Cerca

Focus

Roma: la Pagano&Cherubini is back! Prestazioni da applausi nel derby

Il 9 ed il 10 offrono spettacolo nella stracittadina con il capitano che fa doppietta e poi serve l'assist per il 3-1 di Leonardo D'Alessio

19 Ottobre 2021

Cherubini e Pagano

A destra l'abbraccio tra Cherubini e Pagano (Foto ©Torrisi)

Pagano e Cherubini, Cherubini e Pagano. Quante volte negli anni scorsi li abbiamo visti trascinare i 2004? Tante, tantissime. La fantasia e le immense qualità tecniche di Riccardo. La grinta ed i colpi di classe di Luigi. Spesso la Roma si è affidata alle loro giocate, a quel trovarsi anche senza guardarsi che solo due amici, prima che compagni di squadra, possono avere. In Under 15 furono tra i principali protagonisti della meravigliosa cavalcata che portò la Lupa sul tetto d'Italia. Non sarà mica un caso se fu proprio Pagano a prendere per mano i giallorossi nella Semifinale contro il Napoli realizzando una meravigliosa doppietta. Come fece Cherubini nella finalissima Scudetto contro il Milan, realizzando il raddoppio che chiuse i giochi. In Under 16 la musica non cambia: la Roma vince, sempre. E spesso ad innalzarsi a mattatori degli avversari sono loro due. Pagano e Cherubini. Cherubini e Pagano. Se dovessimo rappresentarli su uno spartito sarebbero un'unica nota. Una nota lunga, lunghissima, che suona sempre e non si ferma mai. Solo i campionati bloccati causa Covid potevano frenarli e potevano frenare una Roma che molto probabilmente si sarebbe riaffermata anche nella stagione 2019/2020. Poi si riparte, nuovo anno, nuova categoria e anche nuovi compagni, perché sia Pagano che Cherubini vengono promossi in pianta stabile con l'Under 18 di Aniello Parisi. Ma le cose cambiano, il salto non giova, almeno dal punto di vista dell'effettivo apporto alla squadra. Le giocate vengono meno, le difficoltà incombono. Difficoltà che la Roma, sicuramente, aveva messo in conto. Perché spesso servono anche quelle partite, quelle stagioni, a far crescere meglio un giovane calciatore. E le risposte sono arrivate sin da subito nell'avvio della 2021/2022, quando Pagano e Cherubini sono tornati a giocare con i pari età. Nel derby un'eloquente prestazione della coppia. Il capitano apre le marcature, poi raddoppia nella ripresa e serve l'assist per il tris di Leonardo D'Alessio. Cherubini non entra nelle azioni dei gol, ma la sua prova non è stata da meno. Solita grinta, solita determinazione: un pressing asfissiante e perpetuo sui portatori di palla biancocelesti ed una qualità nell'attaccare non indifferente. Insieme a Matteo Falasca (autore dell'assist per il secondo gol di Pagano), l'esterno basso con il quale Gigi forma una delle catene più interessanti della categoria. Tornando al 9 ed il 10, al di là dei gol e degli assist, hanno offerto veramente un gran bel calcio. Tocchi di prima, cercarsi e trovarsi con una facilità quasi disarmante, come se - gli appassionati di playstation capiranno - su Ultimate Team di Fifa avessero l'intesa verde. E molto è dipeso anche dall'arretramento in corso d'opera di Pagano, partito inizialmente come centravanti. Nei primi minuti non riesce a trovare spazi, sempre ingabbiato nella linea a cinque di Tommaso Rocchi. Poi si comincia ad abbassare, viene a prendersi il pallone tra centrocampo e trequarti, detta tempi e ritmi delle giocate. E la maglia prende forma. E la Roma vince il derby, il terzo consecutivo contro i 2004 della Lazio. Insomma, l'azienda del gol  e dello spettacolo è tornata. Mettetevi comodi: la Pagano&Cherubini is back!

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE