Cerca

dopo gara

Itri, Marco Ardone: "Stiamo facendo qualcosa di straordinario"

La soddisfazione del tecnico biancazzurro dopo il successo di misura sul Pontinia

08 Novembre 2021

Ardone

Marco Ardone (Foto ©Benedetti)

Con un lampo di Berisha all’84’, l’Itri supera il Pontinia e centra il 4° risultato utile consecutivo, la 2ª vittoria interna di fila. 0-0 a Morolo, 1-0 con l’Atletico Lazio, 2-2 ad Anagni ed 1-0 con i granata. Questo il ruolino di marcia dei biancazzurri nelle ultime settimane. Rendimento da prime posizioni, che consente ai ragazzi di Marco Ardone di portarsi a -2 dalla zona salvezza diretta, ma che soprattutto dà autostima e segnali anche alle concorrenti. "Stiamo facendo qualcosa di straordinario" – ha commentato il tecnico -. All’inizio ci davano tutti per retrocessi; adesso abbiamo fatto capire che ce la giocheremo fino alla fine. La squadra è vicina alla comunità, dopo quello che è successo in settimana a Itri. Era importante vincere anche per dare un sostegno morale a queste persone che ci seguono; ci sono gli ultras, con i quali abbiamo instaurato un bel rapporto". 8 punti nelle ultime 4 uscite. "E’ senza dubbio un momento positivo. Questa squadra ha perso 2 partite sul campo, contro Sora e Lupa Frascati. Ce le siamo giocate tutte e le abbiamo vinte tutte, oltre i pareggi con Morolo ed Anagni. Questa striscia di risultati serve al gruppo, che può acquisire consapevolezza". E’ un Itri 'corto muso' – abbiamo scherzato con Ardone -, perché ha già conquistato la 3ª vittoria per 1-0. "La nostra è una squadra che esprime un certo tipo di calcio, in casa ed in trasferta. Lo accetto come risultato, ma direi che sono tutte partite che abbiamo meritato esprimendo buone prestazioni, non me ne voglia Allegri". E con il Pontinia i biancazzurri hanno dato prova di una certa maturità, aspettando il momento buono e 'stanando' un’avversaria che ha concesso poco. "Si è visto subito che fossero venuti qui per non perdere, più che per vincere. Non mi aspettavo questo atteggiamento rinunciatario dal primo minuto, perché a mio avviso le gare vanno giocate. Abbiamo avuto pazienza, i ragazzi sono stati lucidi, e credo che la vittoria sia meritata per quanto abbiamo prodotto in termini di gioco. Nel secondo tempo ho chiesto di tenere il baricentro più basso. La palla è un fattore di attrazione e si sono scoperti. Ma il gol è nato da un grande gesto tecnico di Berisha. Il lavoro che stiamo facendo non è casuale ed è merito di tutto lo staff. Ho la fortuna di avere con me dei professionisti, da Ernesto Romano a Vincenzo Esposito, Vittorio Belardoni e Davide Pucci. Quello che vedete sul campo è frutto di un impegno dietro le quinte che difficilmente si trova altrove".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE