Cerca

Focus

Dallo spavento nel derby al gol decisivo. Graziani cresce e se ne va in Nazionale

Il capitano della Roma ha realizzato il gol decisivo in casa della Reggina che ha permesso ai giallorossi di mantenere il passo della Lazio capolista

24 Novembre 2021

Graziani

Graziani durante il derby (Foto ©Torrisi)

Che Leonardo Graziani sia da sempre l'uomo dei gol pesanti è scritto nello storico delle partite dei 2005 giallorossi. Già in Under 15 sotto la guida di Tanrivermis, quando dopo due mesi di stop mise a segno una rete pesantissima nel big match contro il Pescara. L'ha sempre avuta in dote questa qualità di emergere nelle partite importanti, caratteristiche che non appartengono a tutti i calciatori, ma d'altronde è lui il capitano del gruppo squadra capitolino. Grinta e determinazione di chi oltre ai piedi buoni, nel tempo è cresciuto mentalmente, innalzandosi a leader tecnico e carismatico dello spogliatoio. Una crescita che gli ha consentito di migliorare giorno dopo giorno e sotto tutti i punti di vista. Anche l'anno scorso, e guarda caso ancora una volta in una gara di cartello, contro il Frosinone al tempo guidato da mister Carinci, Graziani attirò attenzioni e applausi. In questa stagione il primo gol pesante è arrivato nella sfida interna contro il Cosenza. Spazi chiusi, la difesa calabrese arroccata in area e allora Graziani decide di aprire le danze con una sassata che lascia interdetto il portiere avversario. Poi nella ripresa chiuderà Cichella per il 2-0 finale. Nell'1-7 in casa della Salernitana un altro gol e altri passi avanti compiuti con decisione. Intanto il tempo scorre, a Trigoria arriva la Ternana, Graziani cresce e nel secondo 7-1 stagionale fa doppietta. Una settimana fa il derby contro la Lazio capolista. Quale altra partita, se non una stracittadina, per conquistare la scena. E la scena Graziani la conquista, ma non nel modo in cui si sperava. Dopo uno scontro di gioco in area di rigore cade a terra e perde i sensi. Istanti che sembrano anni, silenzio e paura sugli spalti. Poi un lungo applauso quando il centrocampista si rialza ed esce dal campo con le sue gambe. Scongiurato ogni potenziale problema in seguito all'accaduto, Graziani torna subito in campo in settimana. S'allena, corre, cresce. Cresce, cresce, cresce. Non c'è altro verbo se non questo per giudicare il personale percorso compiuto sin qui. E insomma ecco il match di Reggio Calabria. Partita come sempre chiusa, spazi pochissimi ed un attacco che non riesce a scardinare la retroguardia della Reggina. Al quarto d'ora della ripresa la Roma passa in vantaggio proprio con il guizzo di Graziani. Altri tre punti, fondamentali per mantenere il passo della Lazio capolista. Altri tre punti che portano la firma dell'uomo dei gol pesanti. Gol e prestazioni che non sono passate inosservate nemmeno agli occhi del CT della Nazionale Bernardo Corradi che ha deciso di convocarlo per il raduno Azzurro. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE

Dalle altre sezioni