Cerca

focus

Cardinali, tuffo tra i grandi: c'è la chiamata di Di Francesco

Il tecnico giallorosso si gode l'ultimo talento di casa Roma: alla scoperta del portiere classe 2001

06 Luglio 2018

Cardinali esulta dopo la semifinale con il Torino (©GazReg)

Cardinali esulta dopo la semifinale con il Torino (©GazReg)

Cardinali esulta dopo la semifinale con il Torino (©GazReg)

Fresco vincitore di Scudetto e Supercoppa con il gruppo dell'Under 17, Matteo Cardinali è in procinto di togliersi un'altra grandissima soddisfazione, stavolta a livello personale. Domenica sera la prima squadra della Roma si ritroverà a Trigoria per preparare il ritiro che proseguirà fino al 20 luglio, prima della partenza per la consueta tournée negli Stati Uniti. Fin qui tutto normale. Se diamo un'occhiata alla lista dei 31 convocati di Eusebio Di Francesco, però, salta subito all'occhio il nome del portierino classe 2001, enfant prodige in casa giallorossa, proprio come quell'Alessio Riccardi (anch'egli selezionato dal tecnico), che ha già fatto parlare tanto a suon di numeri e giocate nell'ultimo campionato Primavera 1. Una di quelle chiamate da far salire i brividi lungo la schiena, che talvolta possono incutere un po' di timore, ma che dimostrano tutta la crescita e il grande lavoro svolto dal ragazzo appena 17enne. Ancora piccolo sì, ma solo anagraficamente, visti i 192 centimetri che ha a disposizione, i quali però non gli limitano assolutamente quella reattività ed esplosività tipica dei grandi portieri. Uno sviluppo così veloce a livello fisico che però ogni tanto gli si è ritorto contro, costringendolo a rallentare il passo nel suo percorso di crescita calcistica, a causa di alcuni acciacchi vari. Ora sembra essersi finalmente lasciato tutto alle spalle, grazie al suo grande temperamento e ad una maturità rara da trovare in ragazzi così giovani. Uno capace d'infondere fiducia ad un intero reparto, uno che sbaglia pochissimo e che se lo fa è in grado di resettare tutto e ripartire subito. La Roma ha individuato in Cardinali il portiere del futuro, tant'è che tutti, in società, hanno gli occhi su di lui: Cardinali in azione (©GazReg)da Monchi, che sta cercando di tenerlo lontano dagli interessi esteri di alcuni club di Premier League, a Marco Savorani, preparatore dei portieri giallorossi che nell'arco della stagione appena passata, ha voluto affiancarlo ai vari Alisson, Skorupski e Lobont nel lavoro settimanale. I consigli e i segreti dei più grandi per diventare grande. E grande Matteo lo sta per diventare veramente, visto che a Trigoria sembrano avere tutte le intenzioni di blindarlo e farlo rimanere in giallorosso con il primo contratto da professionista. Il sogno sta per diventare realtà, ma di strada ce ne sarà ancora tanta da fare. Magari sempre con la maglia della Roma cucita addosso, squadra per cui tifa sin da piccolo. Il futuro è nelle sue mani, o meglio nei suoi guantoni: Cardinali sogna ad occhi aperti, ora è tempo del salto di qualità.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE