Cerca

Focus

Gioia Mastrantoni, l'ex Spes Montesacro e Tor Tre Teste al primo gol nei prof

L'esterno offensivo di mister Gonini ha chiuso il match in casa del Lecce togliendosi una grande soddisfazione personale

02 Novembre 2021

Mastrantoni

Mastrantoni (Foto ©Facebook/TorTreTeste)

Quella di Cristian Mastrantoni è una storia da cui tutti i giovani dovrebbero trarre ispirazione. Sì, è vero, bisogna andarci sempre cauti e con i piedi di piombo, perché è comunque un classe 2007 e alla prima esperienza nei professionisti. Giocare un campionato di Under 15 Serie A e B è una grande soddisfazione, ma non possiamo certamente affermare che sia un punto di arrivo definitivo. Però allo stesso tempo va sottolineato chi con il duro lavoro e con il sacrificio si è regalato una domenica di grande gioia. Quante volte abbiamo detto che gli ultimi due anni sono stati difficilissimi per la stragrande maggioranza dei giovani? Come dire il contrario d'altronde. Eppure Mastrantoni ne ha fatto forza, altrimenti un doppio salto nel giro di due anni senza calcio giocato difficilmente arriva. Nella stagione 2019/2020 si mette in evidenza nella Spes Montesacro, tanto da attirare l'attenzione della Tor Tre Teste che, senza pensarci troppo, lo preleva dal club di Alberto Aquilani. In rossoblù variano la sua posizione in campo spostandolo da attaccante centrale ad esterno offensivo. Si presenta a quello che era il Candiani - centro sportivo ora dedicato all'indimenticato presidente Antonio Di Bisceglia - con tre gol in due partite. Non male per un giovane che fino a qualche mese prima disputava i Regionali ed è comunque rimasto fermo a causa dello stop dei campionati. Ma il Covid di mollarci non ne vuol sapere e costringe ad interrompere di nuovo tutto, proprio quando stavamo riassaporando la libertà, mettendoci in ginocchio, ancora. Ma in ginocchio non ha messo Mastrantoni, che continua ad allenarsi, anche in casa, anche con mezzi di fortuna. I campionati non ripartono, ma l'area scouting della Lazio si è già interessata al ragazzo e sul finire dell'anno lo chiama per un provino: "Saranno passati venti minuti, mi squilla il telefono e mi dicono che avevano già preso la loro decisione" esordisce Alessandro Bruno, direttore generale della Tor Tre Teste. Limati i dettagli, Cristian Mastrantoni vola a Formello per vestire la maglia biancoceleste. "Abbiamo intravisto in lui qualità più che interessanti, sia dal punto di vista tecnico che fisico - prosegue il dg rossoblù - Sapeva di dover continuare a crescere e lavorare, quello ha fatto. Ha una mentalità da calciatore professionista per l'impegno e la dedizione, è un ragazzo d'oro. Adesso, essendo alla Lazio, l'asticella si è sicuramente alzata, ma sono sicuro che ha la testa giusta per togliersi grandi soddisfazioni in questo sport. Gli auguro tutte le fortune di questo mondo". Ed ecco che domenica, nell'ostica trasferta di Lecce in cui i padroni di casa vanno avanti con Leo ma poi vengono ribaltati dalla doppietta di Carbone, al quarto d'ora della ripresa arriva il momento propizio. Dal piede di Mastrantoni parte la conclusione vincente, il portiere lecce non può nulla ed il pallone finisce la propria corsa in fondo alla rete. La prima perla è stata incastonata. Adesso non resta che proseguire su questa strada e con la "testa giusta" di cui ci ha parlato Alessandro Bruno. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE