Cerca

girone A

Ruggito Lazio ad Empoli, Rossi e Legnante domano i toscani

Successo fondamentale della truppa di Rocchi, che passa su un campo difficile andandosi a prendere tre punti che mancavano da quasi un mese

24 Novembre 2021

Napolitano-Rossi

Napolitano-Rossi (Foto © Torrisi)

EMPOLI Fantoni, Sartini (31’st Barsi), Giubbolini (20’st Innocenti), Disegni, Guarino (1’st Indragoli), Martucci, Baggiani (31’st Corsi), Regoli (20’st Bucchioni), Panicucci, Sodero (31’st Menga), Fini (31’st Ekong) PANCHINA Fontanelli, Pieracci, ALLENATORE Fiasco

LAZIO Magro, Bedini, Felici (17’st Abatneh), Mancini (40’pt Schettini), Del Mastro, Dutu, Serafini, Rossi (36’st Perroni), Legnante, Napolitano, Bigonzoni (36’st Milani) PANCHINA Morsa, Iobbi, Cannavaro, Seghetta, Nori ALLENATORE Rocchi

MARCATORI Rossi 11’ pt (L), Legnante 32’ st (L), Martucci 47’ st (E)

ARBITRO Papi di Prato ASSISTENTI Magherini e Alfieri di Prato

NOTE Ammoniti Felici, Dutu, Napolitano, Disegni Angoli 7-10 Rec 4’ pt-5’ st

Empoli-Lazio 1-2

Vittoria pesantissima quella della Lazio di Tommaso Rocchi, che al Centro Sportivo Monteboro si impone per 1-2 sull’Empoli, espugnando un campo difficile. Dopo il pareggio ad Ascoli e la fragorosa caduta interna con il Parma, le aquile tornano al successo in maniera inaspettata. Difatti il fortino toscano è uno dei più difficili da espugnare. Gli azzurri di Fiasco, nonostante un inizio leggermente a rilento,  sono tra le migliori squadre del girone, in grado lo scorso anno di vincere a Trigoria contro l’inarrivabile Roma. Quest’oggi però le cose sono andate così, con i biancocelesti che si dimostrano ancora una volta una squadra non solidissima, un po’ discontinua, ma in grado di tirare fuori artigli e carattere quando necessario. Dopo undici minuti è Giordano Rossi a sbloccare la gara, battendo Fontani per il vantaggio ospite. Passata un’ora di battaglia vera, è alla mezz’ora della ripresa che Legnante torna a timbrare il cartellino, firmando la rete della sicurezza. Negli ultimi istanti di gara Martucci prova a riaprire le danze, superando un grande Magro, ma non c’è più tempo con Napolitano e compagni che al triplice fischio possono alzare le braccia al cielo per questi tre punti vitali. La classifica adesso torna a farsi meno buia, e saranno fondamentali i prossimi due incontri per dare la svolta, forse definitiva, alla stagione. Difatti domenica i ragazzi di Rocchi andranno a Bologna per scavalcare i felsinei, mentre il weekend successivo affronteranno una Sampdoria in grande difficoltà, nella speranza di prendersi altri tre punti e tornare nelle parti in cui la Lazio merita di stare.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE