Cerca

Focus

Frosinone, domenica c'è la Lazio. L'Osservato Speciale è... il collettivo

Tra tre giorni una delle gare più importanti della stagione. Riflettori puntati sul gruppo di Gorgone

24 Marzo 2022

Frosinone

Frosinone (Foto ©Benedetti)

Nell'insolita giornata di domenica va in scena una delle gare più importanti dell'anno, senza alcun dubbio la sfida di cartello del weekend. Al Fersini di Formello la Lazio ospita il Frosinone per rialzare la testa dopo l'ultimo mese nero e tornare ad una vittoria che manca da tanto, troppo tempo. A maggior ragione per chi ha dichiarato sin da inizio anno che non c'era altro obiettivo se non quello di riconquistare la Primavera 1. Come ogni big match che si rispetti, Gazzetta Regionale propone il consueto Osservato Speciale. Di solito si tratta di un singolo, di un giocatore su cui sono posti i riflettori, dell'individualità che in un modo o nell'altro può rivelarsi decisiva durante i 90'. Questa volta, invece, abbiamo cambiato rotta. L'Osservato Speciale del match in casa Frosinone è... il collettivo. L'armata giallazzurra ha sempre funzionato così, sin dalla prima sfida, sin da quel Frosinone-Reggina che disse subito tanto su quella che sarebbe stata la stagione dei ragazzi di Gorgone. Abbiamo allora scelto il collettivo, il gruppo, il branco, perchè il Frosinone è sempre stato così, unito come non mai per inseguire il sogno Primavera 1. Un sogno che pian piano ha assunto i crismi della realtà. Ma mancano cinque partite di regular season, più gli eventuali playoff e la salita è appena iniziata. Domenica c'è la Lazio, due turni dopo la capolista Cesena. E dicevamo il gruppo, quello capace di confrontarsi e battere anche squadre più attrezzate, almeno sulla carta. Quel gruppo che tale si è dimostrato fuori dal campo e soprattutto dentro, in cui non ci sono mai stati titolari certi e panchinari. Un gruppo che ha visto quasi sempre girare chi doveva scendere sul rettangolo di gioco dal primo minuto. Un gruppo, in cui tutti danno l'anima per il compagno, in cui non è importante chi segna, ma segnare. Lo dimostra anche la classifica marcatori, che vede nelle prime venti posizioni ben quattro ciociari: Stampete (al comando, tra le altre cose, a quota 17), Selvini, Favale e Jirillo. Nessun'altra squadra, eccetto il Cesena, è riuscita a portare così tanti giocatori nella Top 20. E allora domenica gli aspetti tattici, tecnici, i moduli, gli schemi conteranno, certo, ma mai quanto il desiderio di andare, come spesso accaduto quest'anno, oltre ogni aspettativa. Perchè tanto le gare le puoi preparare bene quanto vuoi, a fare la differenza è sempre la testa, la determinazione e il cuore.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE