Cerca

Focus

La Viterbese si gode Dobrevski: Bulgaria, academy e gialloblù per sognare in grande

Il puro talento classe 2007 è stata una delle più belle scoperte degli ultimi tempi dalle parti di Viterbo. Illumina in campo e diverte fuori, conosciamolo meglio

26 Aprile 2022

Dobrevski

Dobrevski (Foto ©Viterbese)

É uno degli stranieri passati per l'academy prima di approdare alla squadra Nazionale. Con la formazione di mister Morra si è subito calato nella parte, diventando di fatto un vero e proprio rinforzo negli ultimi mesi di campionato. Parliamo di Elean Dobrevski, classe 2007 bulgaro che con la maglia gialloblù ha dato subito un saggio delle sue migliori qualità. Fantasista di puro talento, il suo ruolo ideale è quello di trequartista dove, tra il centrocampo e la difesa degli avversari, può sprigionare tutta la sua tecnica. Mancino naturale, con il pallone tra i piedi fa il bello ed il cattivo tempo, come dimostrato in alcune delle recenti gare disputate dalla Viterbese. Intelligente tatticamente, legge le giocate con anticipo facendosi trovare sempre al posto giusto nel momento giusto per ricevere il pallone e innescare i compagni di reparto. Il dribbling, un altro cavallo di battaglia del repertorio di Dobrevski, è di altissima fattura. Parliamo di un dribbling più tecnico che fisico-atletico. Insomma, non è certamente uno che si allunga il pallone e lo rincorre, piuttosto sposta la sfera con così tanta rapidità (e qualità) che spesso riesce ad eludere i tentativi di intervento degli avversari. Dal punto di vista fisico deve ancora maturare, soprattutto dal in termini di muscolatura, ma ha quindici anni e tutto il tempo per strutturarsi. Il talento, invece, già c'è ed è evidente. Vede spazi e compie giocate non comuni per l'età e per la categoria. A completare il suo profilo un'attitudine positiva che lo ha portato ad integrarsi alla grande nello spogliatoio gialloblù. Vive in convitto con gli altri ragazzi fuori regione, molti dei quali provenienti da Napoli e così ha imparato in fretta l'italiano. Spesso si lascia persino andare a qualche battuta in dialetto napoletano. Insomma, in pochissimi mesi Dobrevski ha fatto capire che si tratta di un calciatore più che interessante sul quale si può lavorare bene. Le qualità e gli atteggiamenti lasciano ben sperare per il futuro della Viterbese. Intanto ha dato una conferma importante, l'ennesima dopo gli ottimi risultati di Primavera e Under 17, oltre alla stessa Under 15: le modalità di lavoro del settore giovanile, come ad esempio l'academy, stanno funzionando alla grande. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE