Cerca

Focus

Da Albè a Liberali passando per Camarda. Roma, i pericoli da sventare

La formazione di Antonio Rizzo si appresta a vivere una semifinale da brividi contro il fortissimo Milan

07 Giugno 2022

Albè in azione

Albè in azione contro il Frosinone (Foto ©Benedetti)

Quella che domenica andrà in scena a Milano non sarà solo una delle due semifinali Scudetto per la classe 2007. All'ombra del Duomo si affrontano due delle favorite - sin da inizio stagione - per il titolo. Due squadre che non hanno tradito le aspettative nel corso della regular season e che poi si sono confermate ad altissimi livelli nel percorso tricolore. Tra pochi giorni saranno una di fronte all'altra e lo spettacolo è garantito. I giallorossi sono reduci da una vittoria di grandissimo prestigio, quella maturata nei Quarti di Finale contro l'Atalanta - un'altra big della categoria - a Trigoria. Al Milan guidato dal tecnico Bertuzzo, invece, è andata meglio dal punto di vista degli abbinamenti, ma solo sulla carta. I rossoneri se la sono vista con un gagliardo Frosinone che ha preoccupato il diavolo e non poco, sia all'andata che al ritorno. A fare la differenza il maggior tasso tecnico nel reparto offensivo e, soprattutto, una profondità della rosa che Mizzoni non aveva a disposizione, almeno per determinati obiettivi. I giallazzurri sono usciti tra gli applausi e il Milan ha potuto così continuare il proprio cammino, forte di avere in organico giocatori decisamente importanti. Ad iniziare dal terzino Albè (di cui avevamo parlato addirittura due anni fa, quando al Memorial Halima Haider ben figurò da sotto età con il Milan), un pendolino sulla fascia. E poi il metronomo Sala, il tuttofare Perin, il gioiellino Liberali, l'instancabile Ossola, tutti calciatori dalle spiccate qualità tecniche, fisiche e atletiche. Senza dimenticare Perera, che nell'andata contro il Frosinone è stato il fattore vincente per Bertuzzo, con le scorribande sulla corsia di sinistra diventate quel quid in più che ha permesso al diavolo di imporsi. Dulcis in fundo, super Camarda, classe 2008 sulla bocca di mezza Italia da diversi mesi. Profilo eccellente sotto tutti i punti di vista, il miglior giocatore del Milan ed il pericolo numero 1 per i giovani di Antonio Rizzo

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE