Cerca

Focus

Roma, ancora la SPAL nel destino. Giovedì per scrivere un'altra pagina di storia

Tra i 2004 e la finale Scudetto c'è di nuovo la formazione estense, come accaduto nella scorsa stagione in Under 17

14 Giugno 2022

Esulta la Roma

Esulta la Roma dopo il gol di D'Alessio ©De Cesaris

24 giugno 2021, Trigoria. Un caldo torrido, un'atmosfera resa ancor più infiammata da due tra le squadre migliori della categoria. Sulla panchina della Roma c'era Fabrizio Piccareta, che da lì a poco approderà proprio alla corte estense per guidare la Primavera. I giallorossi volevano scrivere la storia a tutti i costi, ripetersi dopo lo Scudetto conquistato in Under 15 due anni prima. Volevano mettere la seconda coppa consecutiva in bacheca, perché solo la pandemia gli negò quella di Under 16, e ci riuscirono. E allora Pisilli subito a segno, poi la rimonta spallina con D'Andrea e Zuberek. I fantasmi, la delusione, la palla che non entrava. Fino a 2' dalla fine quando Falasca pareggia i conti rinviando il verdetto ai supplementari. La stanchezza, la fatica, le discese di un instancabile Missori ancora scolpite sulla fascia di destra del Di Bartolomei. E poi un pallone, altissimo, nel cielo di Trigoria, che impatta sulla testa di Francesco D'Alessio e finisce alle spalle di Pezzolato. Dal cielo al paradiso, che dopo pochi giorni si tingerà di giallorosso con il secondo Scudetto conquistato dai 2004 della Roma nella finale contro il Genoa. Altro giro, altra corsa e altra stagione. Stesso destino, almeno secondo il tabellone che ha voluto di nuovo la SPAL tra la formazione capitolina e l'ultimo atto del campionato. Destini incrociati, come quello di Piccareta, come quello di Giuseppe Scurto che prima di indossare la giacca giallorossa si è messo in grande evidenza proprio nella Primavera della SPAL. Giovedì alle 20.00 ancora una davanti all'altra, questa volta ad Ascoli, con lo Stadio Cino e Lillo Del Duca pronto a vestirsi a festa per ospitare le fasi finali dei campionati giovanili. Mentre dall'altra parte del tabellone si affronteranno Bologna e Fiorentina, con i felsinei che godono del favore del pronostico, la Roma si prepara a scrivere un'altra pagina della propria, incredibile, storia. Nella regular season un assurdo equilibrio si è venuto a creare tra la gara di andata e quella di ritorno. A Ferrara una Roma sostanzialmente perfetta passeggiò sugli avversari rifilando un netto 0-5 con le doppiette di Koffi e Padula, oltre al pokerissimo firmato Ruggiero. Al ritorno stesso identico risultato, ma a favore dei ragazzi di Pedriali: doppio Dell'Aquila, Puletto, Bugaj e Zuccherato. 5-5 "l'aggregate" e una miriade di spettacolo offerto. Giovedì il talento non mancherà, con gli ultimi dubbi di formazione per entrambi gli allenatori. Da capire ancora se e chi scenderà dalla Primavera. Mastrantonio è già in vacanza e quindi sicuramente non tornerà in Under 18. Faticanti, Missori, Cherubini, Padula, Pagano e Pisilli gli altri indiziati. I primi due difficilmente torneranno con i coetanei, anche se nella scorsa stagione tornarono proprio per fare manforte nella fase conclusiva della stagione. Cherubini e Pagano anche loro in dubbio, mentre Pisilli ci sarà sicuramente - anche perché in Primavera ha giocato poco e niente. Pochi dubbi anche sul ritorno di Padula, considerando che le soluzioni offensive - in termini di attaccanti centrali - scarseggiano, ma negli ultimi tempi ha avuto diversi acciacchi fisici. Per quanto riguarda la SPAL riflettori puntati sui soliti: l'ex Tor Tre Teste Francesco Dell'Aquila, Semenza e soprattutto Puletto. Insomma, tanti dubbi e pochissime conferme, solo una cosa è certa: lo spettacolo non mancherà. La voglia della Roma di conquistare il trono nemmeno. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE