Cerca

Primavera 1

Volpato, Satriano, uno splendido Pisilli e Cassano: poker Roma a Bergamo

Il fantasista apre le danze con una magia a fine primo tempo. Il centravanti classe 2003 raddoppia ad inizio ripresa con un gol di forza, muscoli e qualità. Dopo il 2-1 di De Nipoti, Pisilli corona una prestazione da applausi

30 Agosto 2022

3a GIORNATA - 31 agosto 2022

Atalanta 1 - 4 Roma
Volpato, foto dello scorso anno (©D'Offizi)

Volpato, foto dello scorso anno (©D'Offizi)

ATALANTA Bertini 5.5, Regonesi 5.5 (38'st Riccio sv), Chiwisa 6, Muhameti 6, Bordiga 5 (1'st Bernasconi 6), Ghezzi 5.5, Palestra 6, Guerini 5.5 (1'st Del Lungo 5.5), Fisic 5 (19'st Colombo 6), Perez Dybeck, De Nipoti 6.5 (14'st Omar 6) PANCHINA Maglieri, Saleh, Roaldsoy, Ramaj, Vitucci, Stabile, Armstrong, Vavassori, Bevilacqua, Tornaghi ALLENATORE Fioretto

ROMA Baldi 6, Missori 6.5 (35'st Louakima 6.5), Chesti 6.5, Keramitsis 6, Oliveras 6.5 (24'st Falasca 6), Vetkal 6, Tahirovic 6 (35'st D'Alessio sv), Pisilli 7.5, Volpato 7, Cherubini 7 (25'st Cassano 7), Satriano 7.5 (35'st Joao Costa sv) PANCHINA Razumejevs, Del Bello, Foubert, Pagano, Pellegrini, Koffi, Misitano, Graziani ALLENATORE Guidi 

MARCATORI Volpato 45'pt (R), Satriano 10'st (R), De Nipoti 11'st (A), Pisilli 12'st (R), Cassano 38'st (R)
ARBITRO Sfira di Pordenone ASSISTENTI Ceolin di Treviso e Franco di Padova
NOTE Angoli 1-4

Le aveva annunciate lo stesso Federico Guidi nell'intervista di ieri alcune novità di formazione rispetto all'undici scelto per la sfida con il Bologna. Novità che portano i nomi di Volpato e Tahirovic, inseriti di fatto al posto di Pagano e Cassano. Il mister aveva parlato anche di un campo difficile, quello di Zingonia, su cui però i suoi ragazzi hanno passeggiato reagendo nel migliore dei modi dopo il ko interno rimediato per mano del Bologna. 

La prima chance è a tinte giallorosse e si concretizza grazie alla splendida giocata di Oliveras sulla sinistra che permette a Pisilli di calciare, Regonesi respinge la conclusione. Dopo cinque giri di lancette dal calcio d'inizio la Dea recrimina per un colpo di mano in area di Keramitsis sulla girata di Fisic. Il tocco c'è ed il braccio è largo, ma i due calciatori erano anche abbastanza vicini: il direttore di gara lascia correre tra le timide proteste bergamasche. Con il passare dei minuti la Roma pian piano cresce diventando di fatto assoluta padrona del campo. Al 35' Missori disegna per Satriano che in spaccata spara fuori da posizione piuttosto invitante. Poi ci prova Cherubini, con un destro che si stampa sulla traversa a Bertini battuto. Proprio quando si pensava che il primo tempo potesse archiviarsi sulla perfetta parità, una magia di Volpato porta la Roma in vantaggio. Ottimo lavoro di Cherubini sulla sinistra, il 7 appoggia per il fantasista del 2003: controllo e mancino sotto l'incrocio dei pali imparabile per Bertini. All'intervallo Fioretto corre ai ripari: rileva Bordiga - in grossa difficoltà con Cherubini - e Guerini inserendo Bernasconi e Del Lungo. I benefici non si vedono di certo e al 10' una bella imbucata di Pisilli pesca il taglio di Satriano che si allarga e col destro spara sotto la traversa per lo 0-2. Il gol rilassa la Roma che un giro di lancette più tardi si lascia sorprendere da un pallone dalle retrovie: Keramitsis e Chesti non tengono De Nipoti che si presenta davanti a Baldi e accorcia le distanze. Nemmeno il tempo di esultare che la reazione della Roma si rivela vincente: grandissimo lavoro di Satriano che tiene sotto scacco l'intera difesa atalantina prima di aprire per Pisilli, il numero 8 controlla e spacca la traversa dall'interno dell'area di rigore. I padroni di casa accusano il colpo e la formazione di Guidi rischia di dilagare. Solo due grandi riflessi di Bertini su Satriano tengono in vita la Dea. Ad una manciata di minuti dal termine altra magia di Volpato che innesca Louakima sulla destra, palla verso l'area di rigore e poker di Cassano. Finisce così, Roma a 6 punti dopo tre giornate, l'Atalanta resta a 0.

Dominante. Niccolò Pisilli sfoggia una prestazione da applausi in casa dell'Atalanta, con il gol a coronare una prova splendida fatta di qualità, di cui non ne veniamo a conoscenza certamente adesso, e di quantità, tantissima quantità. Il centrocampista classe 2004, che era partito dalla panchina all'esordio stagionale sul campo del Cesena, aveva contribuito al successo giallorosso subentrando nel secondo tempo del match. Da lì in poi non è più uscito dal campo. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

# Squadra Punti G V N P GF GS

EDICOLA DIGITALE

Dalle altre sezioni