Notizie

Asa, Travertino e Brictense che bagarre! Parola ai protagonisti

Il girone F di Seconda Categoria è più acceso che mai ed allora abbiamo deciso di porre una sola domanda ai mister delle squadre in lotta



La formazione dell'Asa ©Facebook

Sostanziale equilibrio nel girone F di Seconda Categoria con tre squadre che sembrano di gran lunga le più accreditate nella corsa al titolo. Stiamo parlando si Asa, Arco di Travertino e Brictense che stanno sbaragliando la concorrenza a suon di vittorie, anche se  lì dietro c’è un Olimpus Roma che non molla e rimane, seppur a distanza, sulla scia del podio. In onore di questa bagarre a tre abbiamo contattato i mister delle formazioni coinvolte, ponendo a tutti la stessa domanda: in un girone così conteso quale potrà essere l’arma di una squadra per conquistare la vittoria finale? Di seguito proponiamo le loro risposte, partendo dai primi classificati:


Asa, Gianpaolo Superchi: “Penso che la condizione atletica la farà da pardona almeno per quanto ci riguarda. Siamo tutti e tre molto vicini e la forza delle altre squadre è indubbia. Li abbiamo affrontati e conosciuti nel girone d’andata e abbiamo notato che sono organici completi, che coprono bene il campo e sono dotati di grande esperienza. Siamo consapevoli, a differenza loro, di non poter contare né sul fattore campo, dato che avremo tutti gli scontri diretti in trasferta, né sull’esperienza dato che siamo una formazione giovanissima. Ma quello che ci dà un qualcosa in più è proprio la nostra gioventù; il nostro capocannoniere, Alessio Catalani, ha realizzato 15 reti ed è un classe 2000. Oltre questo anche il fatto di non avere la pesantezza di dover fare risultato per forza ci aiuta, puntavamo ad arrivare nei primi tre posti e ci stiamo riuscendo. Da qui in poi ci divertiremo con massima serietà, ma anche massima serenità


Arco di Travertino, Marcello Lomuscio: “Dal canto nostro abbiamo avuto la fortuna di avere nel girone di ritorno tutti scontri diretti in casa, li abbiamo vinti con Brtisctense e Olimpus, ma ci aspetta ancora quello con l’Asa. Sarà importante gestire le risorse della rosa, a questo punto del campionato iniziano ad arrivare anche le prime squalifiche dovute alle diffide, abbiamo una rosa ampia con praticamente tutti giocatori che possono giocare da titolari quindi in questo magari siamo un passo avanti, ma bisognerà dare continuità ai risultati senza mai perdere di vista l’obiettivo finale. Finora lo abbiamo fatto dato che abbiamo messo via quattordici vittorie consecutive, cosa che ci sta dando grande entusiasmo e voglia di continuare a lottare”.


Britctense, Pino Di Pietro: “Cosa ci vuole? La determinazione. Ci sono squadre che possono sempre toglierti punti, l’insidia è dietro l’angolo e non bisogna mai guardare la classifica perchè potrebbe trarti in inganno. Saranno importanti anche gli scontri diretti senza dubbio; veniamo dalla sconfitta contro l’Arco di Travertino nell’ultimo turno, ma sono incidenti di percorso che ci possono stare, le partite d’altronde vanno sempre giocate ed onorate. Sarà lotta a tre fino alla fine e ci aspetterà un grande finale di stagione. Il calcio è una cosa favolosa e bisogna ricordare che, indipendentemente da come andrà a finire, le esperienze positive o negative che siano sono pur sempre esperienze che ti insegnano qualcosa”.