Notizie
Categorie: Altri sport

B2- Una rocker a Cisterna: in attacco arriva Borelli

La formazione pontina strappa alla Giovolley la schiacciatrice che ha la passione per Iron Maiden e Black Sabbath



Image title

C88 Volley mette a segno il primo colpo. Dopo l’importante conferma del libero Marinelli, ad aggiungersi in attacco arriva Roberta Borelli. Ora è ufficiale: Roberta Borelli è una giocatrice della C88 e la vedremo all’opera al Campus dei Licei M. Ramadù di Cisterna. L’opposto che ha militato alla Giò Volley fino alla scorsa stagione, ha scelto la Polisportiva di Droghei, che non ci ha pensato due volte a reclutarla per il roster che affronterà la Stagione 2019-2020 di Serie B2.Prima novità assoluta e primo colpo ad effetto, per una giocatrice che metterà al servizio della squadra le sue qualità e la sua esperienza. Reduce dal campionato di B1, che ha vinto a mani basse, conquistando la promozione in A2, si presenta con un eccellente biglietto da visita.Classe ’87, ha nel suo curriculum Pallavolo Circeo (C 2005-2008), Pallavolo Frosinone (B2 2008-2009), Pallavolo Narni (B1 2009-2010 e  in B2 2011-2012), Nautilus Ostia (B2 2010-2011), per poi approdare alla Giò Volley, con cui gioca ininterrottamente dal 2012, scalando tutte le categorie dalla Serie C alla promozione in A2. Un  curriculum che fa di lei un ottimo rinforzo per puntare da subito forte in questa Stagione. Mancava un’esperienza a Cisterna, per lei, e la curiosità di vederla giocare nella squadra che si sta formando a servizio di coach Saccucci, continua a crescere.Abbiamo scambiato due parole con Roberta.

Roberta, si volta pagina: tanti anni alla Giò Volley, ora la scelta di giocare a Cisterna. Quali sono  stati i fattori determinanti per questa scelta? "Nessun fattore determinante, vivo ad Aprilia da tre anni, ormai, ho un lavoro qui, gli amici, con la Giò Volley non si è arrivati semplicemente ad un accordo. Mi sono trovata bene con il progetto di Cisterna e quindi ho scelto. Mi sento una giocatrice del Lazio, è un senso di appartenenza"

Hai richiesto di indossare la maglia con il tuo consueto numero 11, ha un significato particolare? "Sono molto legata al numero 11, che mi ha accompagna da quando ho iniziato a giocare. Pochissime volte non ho giocato con l’11, con cui ho vinto campionati. Fu una casualità quando ho iniziato e l’ho tenuto.

Dopo la rinuncia alla Serie A2, proprio la Giò Volley sarà tra le avversarie nel girone della C88. Sarà una partita come le altre? "Come giocatrice chi è dall’altra parte della rete, non mi interessa durante la partita. Mi piace giocare e vincere, quindi sarà una partita come un’altra, ci sarà sicuramente un po’ di emozione iniziale, entrando in quel palazzetto, ma terminerà col il fischio di inizio.

Fonti attendibili ci dicono che ascolti buona musica. Verifichiamo: "
Ascolto prevalentemente Rock, ma mi piace un po’ ogni genere, sono però molto selettiva, quindi evito la musica prevalentemente commerciale e poco impegnata. Mio fratello suona la chitarra fin da giovane, ed in casa si sono sempre ascoltati Queen, Guns N’ Roses, Iron Maiden, Black Sabbath, Blind Guardian, Deep Purple… Ci siamo capiti"