Notizie
Categorie: Altri sport

C- Terracina centra l'impresa: pontine in finale play off

La squadra di Pesce ribalta il 3-1 dell'andata contro la Roma Duemila12 e centra l'ultimo atto per la promozione



VOLLEY TERRACINA - ASD DUEMILA 12 ROMA 3 - 0


VOLLEY TERRACINA Pizzuti 12, De Bellis 2, Mancini 10, Carrisi 11,Furlanetto 13, Michelessi 2, Mariani 9, Scorsini, Pisacane (L1). n.e.Polverino, Massa, Terenzi, Magrin (L2) ALLENATORE Pesce ALLENATORE IN SECONDA Rigoni

DUEMILA 12 Atzori 4, Bruselles 1, Cecchini A. 1, Cecchini M. 3, De RossiC. 13, De Rossi M. 6, Mariani 7, Pettine 2, De Rossi F., Nenni, Pendenza(L1), Crisafi (L2). n.e. Artini.  ALLENATORE Matteo ALLENATORE IN SECONDA Lanzi

La Volley Terracina vola in finale. E’ questo il verdetto nella gara di ritorno dei playoff promozione, dopo la netta vittoria ottenuta contro la Duemila12 Roma per 3-0 ribaltando completamente il risultato di gara 1 che l’ha vista sconfitta per 3-1.

La festa di Terracina


Stupenda, gagliarda, con qualità e carattere la partita delle biancocelesti che hanno giocato da vera squadra, con tutte le ragazze protagoniste in positivo del match, tutte meritevoli del premio di MVP. La squadra romana di contro ha pagato molto la ricezione non proprio eccellente, messa sotto pressione e nel corso del match è andata pian piano smarrendo le proprie sicurezze, cedendo poi di schianto nel terzo set. Equilibrio in avvio di match tra le due formazioni, dopo un primo sussulto ospite, il recupero terracinese che porta le squadre sul 5-5, ma le romane allungano con decisione portandosi sull’11-6 con la centrale Mariani protagonista. Terracina non è sciolta nelle sue giocate anche se recupera lentamente terreno, con l’affiorare di un certo nervosismo in campo tra ledue squadre, vista la posta in palio, mentre il tabellone segna 14-13 perle ospiti. Tra le biancocelesti sale in cattedra Pizzuti, sia in difesache in attacco, dando la scossa alle compagne che in poco passano invantaggio costringendo il coach Matteo a chiamare tempo, con le sueragazze che al rientro in campo pareggiano i conti sul 16-16. La pallainizia già a scottare per tutte le giocatrici in campo, la Marianibiancoceleste porta con due attacchi vincenti consecutivi il punteggio sul21-17 Terracina, ma Duemila12 recupera un paio di lunghezze, le padrone dicasa però dopo due difese super del libero Pisacane, allungano nuovamentee vanno poi a chiudere il set con attacco la centro di Furlanetto sul25-20.Stesso copione del primo in avvio secondo set, parità dopo pochi scambi,4-4 e successivo 7-7, senza che ognuna delle due formazioni riesca aprendere un leggero sopravvento. Con la regista Michelessi al servizioperò le biancocelesti operano un piccolo break, andando sul punteggio di11-8 e trovano entusiasmo nelle loro giocate, allungando con capitanMancini e Carrisi sul 14-9. Duemila12 però non si perde d’animo e si rifà sotto, 14-12, si gioca palla su palla con il numeroso pubblico che partecipa ad ogni scambio, Terracina continua a condurre e trova il puntodel 20-16 con l’ace di Furlanetto, poi Carrisi e Pizzuti la portano sul 23-16, ma è capitan Mancini a concludere il parziale sul 25-18 con attacco vincente dalla seconda linea. Meglio Terracina nelle prime battute del terzo set, 4-2 e seguente 7-4 con la ricezione ospite in difficoltà dopo i due aces consecutivi di capitan Mancini, ma è la Furlanetto al servizio a portare lontano la VolleyTerracina, 14-5 e farla navigare in acque più calme. Duemila12 sembra mollare, incapace in queste fasi di costruire gioco, coach Matteo è costretta a cambiare la diagonale inserendo Bruselles e Nenni, maTerracina oramai è padrona del campo e vola sul 17-6 vedendo la vittoria ad un passo. Il pubblico è tutto in piedi ad applaudire le sue beniamine, le romane rosicchiano qualcosa, ma le biancocelesti restano concentrate, orchestrate nelle battute finali e per tutto il match da una bravissima quanto precisa Michelessi, proiettate verso la conquista del match e della qualificazione, che arriva con l’errore al servizio delle romane che chiudono di fatto la gara sul 25-14.