Notizie
Categorie: Dilettanti - Calcio a 5

Dilettanti, arriva lo stop! Venerdì il giorno dei verdetti

Le decisioni prese dal consiglio federale di oggi: stop dalla D in giù, proseguono soltanto Serie A, B e C



Gravina, presidente FIGC

C'era grande attesa per i risultati del consiglio federale in programma oggi ed iniziato alle ore 12.00. Il confronto tra le parti ha emesso il suo verdetto. Come ampiamente messo in preventivo arriva lo stop definitivo dei campionati dilettantistici, mentre proseguiranno Serie A (con in ballo l'ipotesi dei play off) Serie B e Serie C. Quest'ultima è la novità più interessante dato che a più riprese dal mondo della terza divisione si erano alzate voci in merito ad una conclusione di tutti i campionati con la disputa dei play off per la promozione e la retrocessione dell'ultima in classifica di ogni girone in Serie D. Quindi, dalla D in giù la stagione 2019-20 è da considerarsi terminata. Pochi minuti fa con un comunicato sul proprio sito internet la FIGC ha delineato i punti decisi in assemblea. 

Non si è parlato infatti soltanto di campionato, ma anche di situazioni economiche. Il presidente Gravina ha infatti elencato cosa è previsto per il calcio dal Decreto Rilancio emanato dal Governo, provvedimenti molto importanti, tra i quali: l’ulteriore rinvio dei pagamenti contributivi e fiscali al mese di settembre;  la sospensione dei canoni di locazione e dei diritti di superficie per gli impianti sportivi (anche di Serie A);  il riconoscimento della Cassa Integrazione per i contratti dei lavoratori sportivi fino ad un massimo di 50 mila euro lordi;  l’istituzione del Fondo Salva Sport con una quota percentuale sul totale della raccolta per le scommesse sportive;  l’abbreviazione dei gradi e dei tempi della giustizia sportiva (direttamente il Collegio di Garanzia dello Sport e successivamente il Tar e il Consiglio di Stato) in caso di contenziosi generati dalle decisioni che sono possibili adottare in deroga alle vigenti disposizioni dell’ordinamento federale sulla determinazione delle classifiche in caso di interruzione dei campionati della stagione 19/20 e quindi sulla determinazione degli organici per la stagione 20/21. "Un risultato molto positivo – ha commentato il presidente federale – che segna un momento significativo per l’intero sistema, abbiamo lavorato in silenzio per l’approvazione di provvedimenti di cui si sentiva un grande bisogno". Successivamente sono state poi esposte le decisioni in merito alla stagione in corso. La FIGC ha espresso la volontà di riavviare e completare le competizioni nazionali professionistiche fissando al 20 agosto la data ultima di chiusura delle competizioni di Serie A, B e C. Precedentemente al riavvio dell’attività agonistica sarà competenza del Consiglio Federale determinare i criteri di definizione delle competizioni laddove, in ragione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, le stesse dovessero essere nuovamente sospese, secondo i principi di seguito indicati: individuazione di un nuovo format (brevi fasi di playoff e playout al fine di individuare l’esito delle competizioni ivi incluse promozioni e retrocessioni; in caso di definitiva interruzione, definizione della classifica anche applicando oggettivi coefficienti correttivi che tengano conto della organizzazione in gironi e/o del diverso numero di gare disputate dai club e che prevedano in ogni caso promozioni e retrocessioni). Per effetto di quanto deliberato, la stagione sportiva 2020/2021 avrà inizio il prossimo 1 settembre. Per quanto concerne, invece, l’attività dilettantistica, valutate le condizioni generali e l’eccezionale situazione determinatasi a causa dell’emergenza Covid-19, il Consiglio ha deliberato di interrompere definitivamente tutte le competizioni, rinviando ad altra delibera i provvedimenti sugli esiti delle stesse competizioni. Resta fissato al 30 giugno il termine per la conclusione dell’attuale stagione sportiva