Notizie
Categorie: Dilettanti

Eretum, domenica il sesto Memorial "Federico Levatino"

Appuntamento alle 17 presso il Moretti di Casali di Mentana. Il club manager Giuseppe Orlando: "Il ricavato verrà donato in beneficenza"



Domenica 29 Maggio alle ore  17,00 presso il Campetto "Angelo Moretti" di Casali di Mentana andrà in scena la sesta edizione del “Memorial Federico Levatino.” il Memorial prende forma dopo un tragico evento accaduto il 21 gennaio di sei anni fa. Federico era un ragazzo normale come tutti noi, amava divertirsi e amava la musica, e purtroppo un incidente d’auto, avvenuto proprio dopo una delle tante serate trascorse in una discoteca romana gli è stato fatale. Anche quest’anno l’organizzazione del Memorial è tutta nelle mani e nel cuore di Giuseppe Orlando, grande amico di infanzia di Federico. Abbiamo rivolto qualche domanda in merito al Club Manager dell’ormai vecchia società ASD Eretum.Federico Levatino


Ciao Giuseppe, partiamo col dire che è un memorial che cambia format quest’anno

Sì, per una serie di cose abbiamo deciso di cambiare il format quest'anno e penso sarà cosi anche nei prossimi anni. Il Memorial per cinque anni è stato un vero e proprio evento, con musica, esibizioni, personaggi famosi, tante squadre e tanti ragazzi si sono uniti per ricordare Federico e di questo ne sono veramente fiero. Anche a livello di pubblicità abbiamo investito tanto, grazie agli sponsor che sovvenzionavano la manifestazione. Ma io personalmente, in maniera molto lungimirante credo che tutto questo realisticamente non sarà possibile farlo per sempre, bisogna saper fare un passo indietro nella vita. Allora ho deciso insieme a tutti coloro che mi danno una mano per organizzare il Memorial, prevalentemente Valerio Baccani, Marco Guidarelli e Manuel Petracci, di rendere il format del Memorial più semplice, più “casareccio”, più “puro”, più “come una volta”. Si perché in quel campetto dove noi giocheremo domenica 29 maggio alle ore 17, da piccoli ci abbiamo giocato tantissime volte. Ragazzi come me provenienti da Mentana erano in una squadra, e gli sfidanti erano proprio i padroni di casa di Casali. Federico era il portiere dei Casali, io del Mentana. Queste partite sono impresse nel cuore di tutti ed è da qui che sono voluto ripartire per organizzare la sesta edizione del Memorial. Una semplice partita, ma dalla grande importanza, perché ci riporta indietro nel tempo, a quando eravamo liberi e spensierati e giocavamo insieme a Federico.


Dopo sei anni il ricordo di Federico continua ad essere vivo in tutti gli amici e parenti, senza dubbio anche grazie al tuo notevole apporto nel mantenerlo costante.

Io personalmente ho sempre cercato di trasformare il ricordo di Federico in situazioni “piacevoli”. Al termine di ogni edizione del Memorial di calcio e del Memoriale in chiesa ogni 21 gennaio, abbiamo sempre organizzato cene con gli amici per stare con la Famiglia di Federico.  Lo scorso anno in occasione del suo compleanno, il 3 novembre, Federico non c'era ma volevamo comunque “festeggiare” e ritrovarci tutti insieme. Anche quest'anno dopo la partita saremo ancora tutti a cena insieme.


Naturalmente il memorial sorge anche a scopo benefico, ci illustri le iniziative di quest’anno?

Il primo obiettivo del Memorial è senza dubbio il ricordo di Federico, il secondo è senza dubbio la beneficenza. Negli ultimi due anni, grazie al ricavato del Memorial abbiamo aiutato in due circostanze il reparto di pediatria dell'Ospedale San Giovanni Evangelista di Tivoli, donando un televisore e tanti giocattoli e colori ai bambini, tra l'incredulità del personale e la gioia dei bimbi stessi. Per quest'anno sicuramente faremo qualcosa, ne parleremo con la famiglia e con gli altri ragazzi che mi aiutano nell'organizzazione e troveremo sicuramente la soluzione migliore per portare un sorriso e fare beneficenza. 


C’è un qualcosa che ti senti di dire a tutte le mamme e i papà come Stefania e Giuseppe che hanno perso un figlio ma nonostante tutto non abbandonano la forza di andare avanti? 

Giuseppe e Stefania sono una coppia con una forza incredibile. Pochi genitori avrebbero tenuto botta ad un dolore cosi grande, loro invece sono sempre uniti e si danno forza uno con l'altro, trasmettendola anche a Cristina, sorella di Federico. A loro posso dire di circondarsi di persone positive, non negative ed occasionali, ma soprattutto di non mollare mai, e di fare ogni cosa in funzione del ricordo di Federico. La vita non è eterna, ma il ricordo si. 


Rinnoviamo l’appuntamento con il sesto Memorial Federico Levatino per domenica 29 alle 17,00 presso Campetto "Angelo Moretti" di Casali di Mentana