Notizie
Categorie: Giovanili - UNDER 17 DIL.

Falaschelavinio, Giovarruscio: "Non dobbiamo abbatterci"

Il tecnico del team del Villa Claudia parla prima della difficile sfida con il Ladispoli: il gruppo è in crescita nonostante un avvio complesso



Roberto Giovarruscio (©DelGobbo)

Dopo la sconfitta della scorsa settimana con l'Albalonga, il Falaschelavinio dovrà affrontare un altro avversario complesso: c'è la difficile trasferta in casa del Ladispoli. Non sarà di certo un match semplice, visto l'ottimo rendimento della formazione lidense, ma i ragazzi del Villa Claudia hanno voglia di dimostrare di che pasta sono fatti e proveranno a tirare fuori la prestazione, come ci spiega il tecnico, Roberto Giovarruscio. "Questa domenica incontreremo una delle migliori squadre del girone, insieme a Romulea, Albalonga e Vigor Perconti. Per noi è un privilegio poterci confrontare con avversari di questo calibro e il risultato, in queste circostanze, passa in secondo piano: il nostro obiettivo principale infatti è crescere  e proporre sempre il nostro gioco senza mai alzare barricate. Per questo scendiamo sempre in campo con coraggio senza temere i nostri avversari. Come stiamo? Abbastanza bene, ci siamo allenati con la giusta concentrazione questa settimana e so che domenica daremo il massimo. È vero che veniamo da una sconfitta con cinque goal presi, ma io tutto sommato sono stato contento della prestazione dei ragazzi. Dobbiamo infatti avere l'umiltà di riconoscere e comprendere che esistono due campionati in uno." Questa è un'annata speciale per il Falaschelavinio. "Sì, è la prima volta che questo club affronta l'Elite in questa categoria. Siamo consapevoli tutti delle grandi difficoltà che affrontiamo e che affronteremo, ma la nostra volontà è quella di cercare comunque di salvarci. Oltre alla società se lo meriterebbero gli stessi ragazzi, sempre presenti agli allenamenti e sempre determinati a dare tutto, con impegno e cuore. Chiaro che non è un inizio di campionato semplice e a volte può venire spontaneo abbattersi dopo ceti risultati. Ma bisogna sempre guardare al lato positivo e a quel che si è fatto bene, per trarne spunto e migliorare. E del positivo, in ogni gara, c'è sempre."