Notizie

Finisce a reti bianche: Bollini, solo un pari con la Svizzera

Nell'ultima amichevole precedente alla prima Fase Elite dell'Europeo, gli Azzurri non riescono a sfondare contro gli elvetici



Riccardi in azione contro la Svizzera ©Figc.it

AMICHEVOLE 

ITALIA-SVIZZERA 0-0 

ITALIA Russo (1'st Brancolini), Ponsi (1’st Ghislandi), Okoli (24’st Armini), Gozzi Iweru (17'st Ntube), Calafiori (17’st Ruggeri), Gyabuaa (1’st Zuelli), Rovella (24’st Belardinelli), Greco (31'pt Tongya), Cortinovis (1'st Marigosu), Piccoli (24'st Vergani), Riccardi (17'st Colombo) PANCHINA Pirola ALLENATORE Bollini

SVIZZERA De Mol (1'st Falk), Frei (1'st Blum), Stergiou (1'st Mesonero), Sauter (1'st Vlasenko), Mistrafovic (1'st Solimando), Cueni, Sohm (1'st Rieder), Males (1'st Krasniqi), Tushi, Tolaj (1’st Azevedo), Fuerrer PANCHINA Mambimbi, Krasniqi ALLENATORE Vogel

ARBITRO Di Graci ASSISTENTI Cataldo e Cecconi QUARTO UFFICIALE Caldera

Nell'ultimo test prima della fase Elite dell'Europeo, andato in scena al Rigamonti di Lecco, l'Italia pareggia per 0-0 contro la Svizzera in un match in cui agli Azzurri è mancato davvero solo il gol. Il team del commissario tecnico Alberto Bollini, infatti, mantiene saldamente le redini del gioco, costringendo gli elvetici sulla difensiva, tuttavia è sempre mancato il passaggio decisivo, l'imbucata vincente. Una prestazione che però resta tutto sommato positiva e che fa ben sperare l'allenatore. Se è maturato questo risultato, molto si deve ai due portieri biancorossi Mol e Falk che si sono più volte superati sulle conclusioni di Riccardi e compagni, oltre alla traversa colpita nella prima parte di gara da Cortinovis. Da segnalare gli esordi di Ruggeri, Belardinelli, Zuelli e Colombo che hanno contribuito a mantenere, per l'ennesima volta, la porta azzurra inviolata.