Notizie
Categorie: UNDER 17 DIL. - Giovanili

Fiumicino, Mattei: "Spero che tutti questi sacrifici ripaghino presto"

Le considerazioni del tecnico rossoblù, tra l'emergenza di questi giorni ed il campionato disputato con i suoi 2003



Fiumicino, mister Mattei ©DelGobbo

Valerio Mattei è una colonna del Fiumicino ed in questa stagione è alla guida del gruppo Under 17 Regionali. Il tecnico ci ha raccontanto le sue sensazioni durante questi giorni di difficoltà, iniziando ripercorrendo quanto fatto sul campo: "Questo stop forzato non ci voleva, a livello personale, di gruppo e per la stagione che stavamo disputando. Fino alla pausa, il bilancio del campionato è positivo: abbiamo lascito per strada qualche punto strada facendo, c'è qualche rimpianto, potevamo far meglio ma ci siamo fermati terzi ad un punto dal secondo posto - esordisce - Complessivamente sono soddisfatto di quello che hanno fatto i miei ragazzi ed il ricordo più bello che ho sono proprio tutte le esperienze vissute con loro, calcisticamente ed umanamente". Molti aspetti positivi, dunque, in un'avventura tutta da scoprire per l'allenatore rossoblù: "Per me era quella degli Allievi era una fascia d'età nuova, avevo sempre allenato categorie più grandi: l'impatto è stato diverso ma ad oggi sono felicissimo di aver fatto questa scelta, perché ho un gruppo di ragazzi in gamba e con tanto cuore, capaci di rendere indietro tutto ciò che gli si trasmette. L'unione che si è instaurata, anche con lo staff, è incredibile". Una squadra compatta e motivata, che si stava preparando per un finale di stagione in crescendo, come spiega il mister: "Venivamo da due passi falsi, dovuti anche a molte assenze tra infortuni e giocatori stanchi visto il doppio impiego con l'Under 19, e ci apprestavamo ad iniziare un tour de force, tutti scontri diretti d'alta classifica che ci sarebbero serviti per capiredi che pasta siamo fatti e per provare a prendere il secondo posto. Ci siamo fermati sul più bello, ma i ragazzi non hanno mai mollato". Infine è d'obbligo una considerazione su come la classe 2003 stia trascorrendo questo periodo: "Sento spesso i miei giocatori, c'è chi si allena di più, chi meno, per quello che possono stando a casa, impegnati anche con le lezioni di scuola online. Tutti fanno qualcosa, ci teniamo in contatto tra messaggi e video-chiamate abitudinarie e ci vogliamo molto bene, non perdiamo occasione per confrontarci - chiude Mattei, che in conclusione aggiunge - Il periodo che stiamo vivendo purtroppo è brutto e spero che se ne possa uscire al più presto, anche se mi sembra di capire che i tempi siano ancora lunghi. Non mi aspetto che i campionati riprendano ed è un peccato: staremo a vedere, ma la cosa più importante ora è risolvere l'emergenza sanitaria del Paese e del mondo. La salute prima di tutto: bisogna restare a casa, rinunciando alle cose che più ci piacciono. Mi auguro che questi sacrifici ripaghino, il più velocemente possibile".