Notizie
Categorie: Cronaca e cultura

Fondi - Da zona rossa a Covid free: una città che si rilancia

Il centro del sudpontino dopo aver vissuto la chiusura totale da 14 giorni non fa più registrare contagi



Image title

Fondi era stato il primo comune del Lazio ad essere definito zona rossa, dopo un aumento dei contagi da Covid-19 che in relazione alla popolazione era diventato troppo alto. Una misura che ha investito il comune sudpontino dal 19 marzo al 14 aprile. Trascorso questo periodo a Fondi si è tornato ad entrare ed uscire come, per fortuna, nella gran parte del territorio nazionale. L'evoluzione dell'epidemia ha portato la cittadina a riscoprirsi educata e rispettosa delle regole, tant'è che col passare dei giorni i nuovi contagi hanno fatto registrare numeri tutto sommato nella norma fino alla completa uscita dal contagio. O meglio, da nuovi individui colpiti dal Coronavirus. Per 14 giorni a Fondi non sono stati registrati numeri negativi in aumento, l'ammontare dei guariti è cresciuto esponenzialmente e così è arrivato il bollino di Covide Free. Un risultato ottimo, dettato dalla coscienza dei cittadini fondani, che hanno dunque rispettato le regole (e dovranno continuare a farlo, così come tutti gli abitanti del Lazio) e permesso al loro paese di poter tornare a respirare, guardando al fututro con maggiore ottimismo. In merito al passo in avanti compiuto da Fondi si è esperesso il vice sindaco Beniamino Maschietto "E' davvero un momento di serenità per la nostra città, che aspettavamo da due mesi. Adesso guardiamo avanti e speriamo a breve di lasciarci questo solo come un ricordo. Adesso a Fondi ci sono pochi soggetti positivi e tutti coloro che erano in terapia intensiva sono nei reparti di riabilitazione. Devo ringraziare calorosamente la ASL, la prefettura, la  questura, le forze dell'ordine e tuti i medici generali di Fondi insieme a quelli dell'ospedale. Adesso si apre la ripresa sul lato economico. Il nostro è un territorio che si fonda sull'agroalimentare e sul turismo e stiamo approntando degli incontri con la Regione proprio in quest'ambito. Abbiamo circa 12 chilometri di costa, di cui 8 di spiaggia libera, quindi abbiamo più possibilità rispetto ad altri comuni del circondario di ospitate diversi turisti. Ci sarà da fare un grandissimo lavoro, sappiamo che ci sono tante persone in difficoltà e cercheremo di stare loro vicini in un settore che è essenziale per la nostra economia. Io penso che per l'ultima settimana del mese si possa iniziare a lavorare per la riapertura in occasione del 2 giugno e quindi stiamo lavorando per questo". Maschietto tiene momentaneamente le redini della città (dovevano svolgersi le Amministrative, ma l'epidemia ha cancellato anche questo appuntamento) dopo la partenza per Bruxelles in qualità di europarlamentare (da febbraio) di Salvatore De Meo, che ha governato su Fondi per due mandati consecutivi prima della nuova avventura in seno all'Unione Europea. Sempre vicino, ovviamente, a quanto accade sul suo territorio non è mancato neanche in questa occasione "Ho avuto modo di vedere dal Parlamento Europeo le prime fasi della pandemia, quando si pensava che tutto questo potesse interessare soltanto l'Italia. Ho avuto modo di dire che Da sinistra De Meo e Maschiettoprobabilmente si è sottovalutato quanto stesse accandendo e che l'intervento dell'Unione è stato apprezzato, ma tardivo. Io credo che ormai anche i più critici si siano resi conto che in questa emergenza l'Europa sia l'unica opportunità ed io stesso ho avuto modo di dire che i primi interventi, seppur tardivi sono sicuramente straordinari e danno la possibilità di rendersi conto di questa misura. Sono già stati stanziati 540 miliardi di euro e molti di questi saranno destinati all'Italia. Questo è un primissimo passo ma la vera sfida è quella del Recovery Fund da 1500 miliardi. Ci auguriamo che questa Fase 2 sia caratterizzata da una maggiore chiarezza dalle istituzioni regionali e nazionali, che riescano a far capire che questo momento deve essere quello in cui tutti fanno la propria parte. I cittadini l'hanno già fatto edè giusto che qualche risposta in più venga data".