Notizie
Categorie: Giovanili - UNDER 19 DIL.

Fuoriquota e nuove regole. Di Bisceglia "Non cambia nulla"

Il presidente del sodalizio rossoblù ha avuto la possibilità di giudicare l'Under 19 sia senza prima squadra che con...



Alessio Di Bisceglia e Fabio Liverani

La Tor Tre Teste ha vissuto tutte e due le fasi di una squadra dilettantistica: con e senza prima squadra. Anticipando di qualche anno la Romulea ha vinto un titolo regionale senza fuori quota (in panchina Alessandro Di Nunno ed in campo giocatori del calibro di Bertoldi e Federico) prima di fermarsi in semifinale contro il Manduria (che ha sua volta perderà la finale scudetto). Il parere di Alessio Di Bisceglia presidente dei rossoblù di via Candiani è dunque doppiamente interessante nell'analisi della nuova norma sui fuoriquota nell'Under 19. Il primo commento da via Candiani è categorico "Non cambierà nulla - sostiene - forse prima le squadre che potevano utilizzarli avevano un piccolo vantaggio, ma fondamentalmente se ci sono ragazzi bravi più piccoli d'età si può vincere lo stesso. E poi credo che un ragazzo del 2000 che si trovi a fare il fuoriquota nella Juniores non sia proprio un fenomeno. In alcuni casi ragazzi del genere vengono presi da altre realtà apposta per lo scopo. Ci sono diverse società che puntano su un giocatore che possa fare la spola tra prima squadra ed Under 19, per poi schierarlo costantemente nel gruppo dei giovani. Questo però è un discorso diverso, è una scelta pianificata, non si tratta di dover gestire quei 2-3 ragazzi che rispetto alla passata stagione non hanno trovato sbocchi nel calcio cosiddetto dei grandi. In termini di successo finale, ripeto, non cambierà nulla, anche perché vincere un campionato Under 19 è molto più semplice che riuscire a vincerne uno Under 17 o Under 15. La concorrenza in queste altre due fasce d'età è molto più alta, perché ci sono tante società che si attrezzano ogni estate per poter vincere il campionato. Noi ogni anno proviamo ad inserirci in un mondo in cui sono poche le squadre che arrivano fino in fondo. C'è stata l'egemonia del Tor di Quinto, poi si è inserita la Vigor Perconti con grande forza, a testimonianza di una scelta ben precisa: puntare su quella categoria. La nostra politica è diversa, a noi interessa puntare al massimo con tutte le fasce d'età mentre con la Juniores spesso abbiamo giocato con ragazzi del 2002, per rendere l'idea. Sicuramente sfrutteremo questa possibilità di avere dei fuoriquota, ma credo proprio che nella nostra politica e negli equilibri del campionato non cambierà nulla".