Notizie
Categorie: C/5 Regionali - Calcio a 5

Grottaferrata, Kuster: "Società seria e gruppo valido"

Parla il laterale brasiliano autore del primo gol stagionale dei castellani in amichevole



Douglas Henrique Kuster

Ha segnato il primo gol stagionale del Grottaferrata calcio a 5, seppure in un test amichevole. Douglas Henrique Kuster, forte laterale brasiliano classe 1992, ha già fatto vedere alcune delle sue qualità nonostante sia nella sua nuova squadra da appena una settimana. “Le cose vanno bene in questi primi giorni – dice l’atleta nativo di Santa Caterina – Ho potuto conoscere i miei compagni di squadra e lo staff tecnico e penso che si possano fare cose buone in questa stagione”. D’altronde lui sa come si vince in serie C2: in Italia ha giocato a Reggio Emilia e Pavia in serie B e l’anno scorso a Desenzano in C1, ma nella seconda categoria regionale ha disputato una spettacolare stagione coi piacentini del Castel San Giovanni vincendo campionato e Coppa. “Sarebbe fantastico ripetersi anche qui a Grottaferrata – rimarca Kuster – Sarà la prima volta per me nel Lazio e non conosco bene il livello, ma lavoreremo tanto per conoscerci meglio in questi giorni e per fare una stagione importante come ci ha chiesto la società”. L’intesa col club viaggia a gonfie vele: “Il presidente Masi, il direttore generale Passerini e tutta la società sono stati chiari: l’obiettivo è quello di vincere e salire di categoria. Anche a me piacerebbe tornare a fare campionati di livello superiore: a dicembre faremo il punto della situazione con la dirigenza per decidere se continuare assieme anche oltre questa annata, sarebbe bello fermarmi qui a lungo”. Il primo test a Centocelle ha visto la vittoria del Grottaferrata per 4-0: “Si vede che siamo ancora “appesantiti” dai carichi di lavoro di questi giorni – sottolinea Kuster – Ma questa squadra ha buone potenzialità e deve metterle in mostra”. Positivo anche l’impatto con mister Simone Piscedda: “Si vede che ha giocato ad altissimi livelli: è molto preparato dal punto di vista tattico e sa come si gestiscono i rapporti con i vari atleti”.