Notizie
Categorie: Calcio a 5

Il grande volo della Fenice dedicato a Lorenzo Semprini

Una favola sportiva. Questa è la stagione del team orange che sabato 16 chiuderà l'anno con una bellissima iniziativa



In foto il gruppo della Fenice neopromossa

A volte da momenti difficili si trova la forza per andare avanti con ancor più grinta. Quando ti crolla il mondo sulle spalle per una perdita inaspettata è facile gettare la spugna, rinunciare, ma c’è chi non lo ha fatto. C’è chi vuole tenere un ricordo che vada oltre tutto e tutti, con l'amore e la fratellanza che hanno sempre contraddistinto il tuo gruppo anche nei momenti più bui. Quella della Virtus Fenice è una vera e propria favola sportiva. È il perfetto esempio di coesione che porta a risultati inaspettati. Perché nello sport non solo chi ha la squadra migliore vince, perché nello sport tante volte contano la testa, la passione e la voglia che metti nel rettangolo di gioco. La scomparsa di Lorenzo Semprini è stato questo per il resto del gruppo della Fenice, una voglia di rivincita che ha permesso di gettare il cuore oltre l'ostacolo.


Rainer Rossi

Parola di capitano Abbiamo intervistato Rainer Rossi, capitano orange, che oltre a ricordare la fantastica stagione ormai conclusa, ci ha parlato di una bellissima iniziativa che si terrà il 16 giugno in una giornata di sport e ricordo. “Non ci sono parole per descrivere una stagione come questa. Abbiamo raggiunto tutti i traguardi che ci eravamo prefissati, che eravamo certi di poter raggiungere. Le 23 vittorie su 26 partite in questo caso parlano da sole. Ma la stagione è stata impeccabile sotto ogni punto di vista, il nostro capocannoniere Rosini per esempio ha sfiorato per un gol il primato in classifica marcatori. Oppure un altro esempio sono le vittorie raggiunte negli ultimi minuti che ci davano sempre più forza e convinzione. È stata una vittoria collettiva di un gruppo che è cresciuto con Lorenzo e che è qui adesso anche e soprattutto grazie a lui. Mio fratello per esempio è con noi dal 2008 e sin da allora sognava di essere come Lorenzo, perché lui era la nostra guida in campo e si può dire che lo continua ad essere anche da lassù. Quest'anno abbiamo dimostrato la nostra forza affrontando squadre molto più preparate, perché in fondo noi siamo da sempre un gruppo di amici che gioca per pura passione, e per questo dobbiamo ringraziare il Presidente che ogni anno ci dà la possibilità di divertirci giocando. Un grazie speciale va anche al mister e a tutti i ragazzi della squadra, dai più giovani ai più esperti, perché sono tutti stati dei tasselli fondamentali per costruire partita dopo partita un'annata bella come questa. La vicenda di Lorenzo io l’ho vissuta in maniera particolare, era il mio migliore amico, ci vivevo insieme, e per me non è stato facile. Non ero convinto di voler giocare ad inizio stagione, ma alla fine i miei compagni mi hanno convinto e di questo li ringrazio perché mai come quest'anno era importante giocare ed era importante vincere. Ricordo che lo scorso anno eravamo tra le squadre che potevano essere ripescate per la C1, ma con Lorenzo, il presidente ed il mister ci siamo detti di andarla a conquistare sul campo la stagione successiva e così è stato; un giusto tributo a quello che voleva Lorenzo, abbiamo rispettato la sua volontà e quindi siamo ancora più orgogliosi”.

Image title


Memorial Semprini La stagione della Virtus però non è ancora finita perché Rainer, assieme ai suoi compagni, sta organizzando una giornata di sport in memoria dell’amico Lorenzo: “È la prima volta che ci cimentiamo in organizzazioni di questo tipo e speriamo che tutto vada per il meglio. Ci saranno più di 80 atleti che verranno a giocare tutti concentrati in 4 ore e vorremmo far star bene tutti quanti. Ma la realtà è che le partite che si giocheranno non sono la cosa centrale perché l'intento alla fine è quello di raggruppare tutti gli amici, tutte le persone che hanno conosciuto Lollo sul campo, perché giocare è quello che ci accomuna tutti quanti ed infine stare insieme la sera durante la festa, perché festeggiare era un'altra cosa che Lorenzo amava fare. In sintesi vorremmo racchiudere in una giornata tutti i ricordi che abbiamo, facendo le cose che lui amava quindi giocare, divertirci e stare insieme. Speriamo che tutto vada per il meglio!”. Di seguito Rainer ci spiega le modalità del torneo: “Si giocherà sabato 16 presso il centro sportivo La Mirage, in via del Baiardo; il torneo è composto da 8 squadre, tutte di calcio a 5, che verranno divise in due gironi. Le partite dureranno mezz'ora e si partirà alle 16 con i gironi. Successivamente ci sarà una piccola pausa nella quale scenderanno in campo la Lazio calcio a 5 e la Lenci Poirino che si sfideranno per un trofeo dedicato alla categoria Primi Calci. In seguito verso le 20.00 si riprenderà con le fasi finali del Memorial con semifinali e finale, ed infine per chiudere in bellezza ci sarà un after-party. Le squadre che parteciperanno, come detto, saranno 8 ed il nostro invito nei loro confronti voleva essere un modo per ringraziarle per la vicinanza e l'affetto ci hanno dimostrato. Sarà presente il Savio, che sono i nostri ‘acerrimi nemici’ sportivamente parlando, con i quali abbiamo condiviso molte battaglie e questo evento ci sembrava il più giusto per seppellire l’ascia di guerra, poi ci saranno il Bergamo, la squadra dove giocava lo scorso anno Lorenzo, la Nova Phoenix, che è il nostro serbatoio di giovani, poi ancora ci saranno due squadre che militavano nel nostro girone quest'anno come la Lositana e il Santa Gemma, ed infine lo Sporting Hornets, dove allena il nostro vecchio mister e giocano alcuni ex compagni, e la Lenci Poirino, che è una squadra Onlus fondata dal nostro amico ed ex compagno Davide Baglio. Siamo certi che Lollo da lassù sabato si farà quattro risate vedendo tutta questa gente giocare per lui!”