Notizie

Kolossal Frosinone: l'Armata Marsella e sei finali da playoff

Il volo spaziale di capitan Francesco Verde ha firmato una vittoria essenziale contro il Perugia. Da Cosenza scatta il rush finale della regular season



La Primavera giallazzurra in allenamento ©FrosinoneCalcio

La cattiva notizia è che il tempo vola. La buona è che il pilota sei tu. Sembra ieri: la stagione che inizia,  i primi allenamenti, un nuovo gruppo pronto a conoscersi. La giornata d'apertura, il poker alla Juve Stabia. Le vittorie in Coppa Italia a Udine, sull'Ascoli, l'impresa memorabile contro l'Inter. Tante, tantissime pagine consegnate agli archivi giallazzurri. Sabato, prima della notte degli Oscar, non esisteva modo più hollywoodiano per superare il Perugia nel serratissimo gruppone delle pretendenti alla statuetta con sopra inciso la parolina magica "PLAYOFF". Il volo galattico del capitano Francesco Verde. Il pallone che scuote la rete. La corsa verso la panchina. L'abbraccio del team. L'1-0 ai grifoni tiene aperta la porta dei desideri e il Frosinone di Luigi Marsella continua a vivere dentro una bolla onirica. 


Check-in playoff: sei scali all'atterraggio

Cosenza, Ascoli, Lecce, Benevento, Crotone e Pisa. Per conservare i troller e i borsoni belli carichi e trasportarli nei lidi più floridi della post-season, i leoni dovranno passare da almeno quattro gate insidiosi. In un range di difficoltà da una a cinque stelle, i nerazzurri toscani di Baiano (ultimi) e le streghe giallorosse -  le seconde da affrontare in casa - sono, ranking alla mano, i matches più agevoli. Gli altri saranno il mega-frullatore prima dell'ultimo incontro in programma il 4 aprile. Ogni squadra ha il suo file e il Frosinone, nonostante le assenze di Luciani per squalifica e di Tonetto e Vecchi a causa di tendiniti e infortuni muscolari, sabato ha dimostrato ancora una volta di vantare una rosa di alto profilo, dalla carrozzeria robusta, che regge. Ricordate il film "Mamma ho riperso l'aereo: mi sono smarrito a New York"? Kevin sbaglia e invece di imbarcarsi per Miami insieme alla sua famiglia, vola nella Grande Mela. Il Frosinone per gioco, valori e caratteristiche individuali è tra le più accreditate per un posto nella suite delle big. A patto di non prendere il jet errato. Certe occasioni, uniche e irripetibili, capitano una volta sola.