Notizie
Categorie: Promozione - Dilettanti

La conquista del primato: Cerveteri, Teti ma non solo

Iniziamo oggi una serie di articoli dedicati alle formazioni che hanno chiuso al primo posto il girone d'andata, tra numeri e curiosità



Il Cerveteri esulta a Fiumicino ©GazReg

Chiudere a due punti da un Fiumicino che ha sbagliato poco o niente (ed in questo lo scontro diretto vinto al Desideri sta facendo la differenza) è un dato da custodire gelosamente in casa Città di Cerveteri e che deve mettere in guardia le avversarie. Il brutto anatroccolo è diventato cigno (concedetecelo). Detta calcisticamente, l'outsider è diventata grande. Se alcune hanno fallito, chi più chi meno, Daniele Fracassa ed i suoi invece hanno dimostrato di saperci fare e, seppur con meno risorse, di meritare il primo posto al termine del girone d'andata. Sono arrivati in 17 giornate 39 punti frutto di 12 vittorie, 3 pareggi e 2 sconfitte, con una media di 2.30 punti a partita. Un risultato frutto della sapiente gestione del gruppo da parte del mister ex CSL che è stato in grado di far giocare ben 27 elementi puntando su due punti fermi: Lorenzo Agostini e Matteo Castelletti, portiere e difensore (nonché capitano) dei verdazzurri, che vantano la miglior difesa del raggruppamento nord-ovest con appena 12 gol incassati. Dato che si contrappone a quello del quarto miglior attacco (31 i centri fin qui). E' al Galli che il Cerveteri ha costruito il suo primato con 20 punti conquistati grazie a 6 vittorie e 2 pareggi. Il rendimentio della formazione di Fracassa è quello interno migliore di tutto il campionato cadetto, scettro strappato proprio al Fiumicino grazie al successo per 0-2 del 24 novembre scorso. In quel match non segnò Alessio Teti, che ha saputo però rifarsi con gli interessi. E' lui infatti il bomber degli etruschi con 14 gol, praticamente la metà. Alle sue spalle il più vicino è Babucci con 4 centri, poi seguono altri sette giocatori, che fanno un totale di nove giocatori diversi a segno.