Notizie

La Roma nel segno di Estrella. Chievo ko, ma adesso c'è l'Inter

La formazione capitolina prosegue la volata scudetto, contro i clivensi basta un pari per accedere al turno successivo



ROMA-CHIEVO 2-2


ROMA Greco S. 7, Parodi 6.5 (38'st Nigro sv), Cargnelutti 6 (25'st Trasciani 6), Bianda 4.5, Semeraro 6, Riccardi 6.5 (43'st Simonetti sv), Greco F. 5.5 (1'st Darboe), Pezzella 6, D'Orazio 7.5, Estrella 7.5, Cangiano 6.5 (25'st Besuijen 6) PANCHINA Zamarion, Bouah, Santese, Silipo, Bucri, Buttaro, Bove ALLENATORE De Rossi
CHIEVO VERONA Caprile 6.5, Pavlev 6.5, Kaleba 6, Farrim 6, Enyan 6, Karamoko 6 (38'st Rabbas sv) , Zuelli 6 (32'st Tuzzo sv), Bertagnoli, Juwara 6.5, D'Amico 6.5, Rovaglia 6.5 PANCHINA Bragantini, Boseggia, Raffa, Soragna, Metlika, Salvaterra, Corti, Merci, Vesentini, Rossi ALLENATORE Mandelli

MARCATORI D'Amico 22'pt (C), Estrella 6'st e 18'st (R), Rovaglia 13'st (C)
ARBITRO Vigili di Cosenza, 6 ASSISTENTI Terenzio di Cosenza e Santi di Prato
NOTE Ammoniti Enyan Angoli 2-3 Fuorigioco 1-1


Esulta la Roma ©De Cesaris

Allo Stadio Ricci di Sassuolo la Roma non va oltre il 2-2 contro il Chievo, ma accede comunque alle semifinali. Nonostante l'assenza di bomber Celar, nonostante le solite difficoltà, i giallorossi ci sono e proseguono nella corsa Scudetto. Nei primi minuti di gioco le due squadre si studiano attentamente senza concedere spazi alla formazione avversaria ma al 7' i clivensi sfiorano il gol creando una grande occasione da calcio piazzato. D'Amico serve Juwara che tira da buona posizione, la sfera sfila di un nulla sopra la traversa. Gli undici in completo giallo sembrano essere più in partita rispetto alla Roma e non a caso trovano la rete al 22': grande discesa di Pavlev sulla destra che crossa verso l'area di rigore, Bianda buca l'intervento e D'Amico non perdona siglando lo 0-1 con un piattone che non lascia scampo a Greco. Più tardi lo stesso D'Amico va vicino al raddoppio su calcio di punizione, fortunatamente per i giallorossi la conclusione non centra lo specchio. Nell'ultimo quarto d'ora della prima frazione la compagine capitolina sale in cattedra costringendo il Chievo a difendersi nella propria metà campo, nonostante questo nessuno spunto dei ragazzi di De Rossi risulta vincente. Si va al riposo sul momentaneo vantaggio clivense. Nella ripresa la Roma continua a macinare gioco e pareggia i conti al 6' con il colpo di testa di Estrella sull'assist, sempre di testa, di Cangiano. Poco dopo Riccardi spaventa Caprile con un missile dai venti metri che finisce di qualche centimetro fuori rispetto all'incrocio dei pali. Al 13', però, Rovaglia porta nuovamente in vantaggio i suoi con un colpo di testa ravvicinato, ancora una disattenzione di Bianda che si perde la marcatura. A Sassuolo la partita è molto vivace, intensa e ricca di occasioni con continui capovolgimenti di fronte. D'Orazio appare uno tra i più in forma ed è lui il protagonista della seconda rete giallorossa: il numero 7 scappa sulla destra e serve Estrella in area di rigore, l'attaccante brasiliano deve solo spingere il pallone oltre la linea. D'orazio continua a mettere in difficoltà la retroguardia di Mandelli, l'esterno giallorosso lascia partire un destro terrificante che si schianta sul palo a Caprile battuto, dimostrando ancora una volta di essere una vera e propria spina nel fianco della difesa avversaria. Nel miglior momento della Roma, un'ingenuità incredibile di Cargnelutti permette a Bertagnoli di volare verso la porta, solo un miracolo di Greco S. nega la gioia del gol al capitano del Chievo. Negli ultimi minuti non ci sono importanti occasioni da segnalare se non la punizione di Juwara che si infrange sulla barriera ed il contropiede non concretizzato da Simonetti. Al triplice fischio del signor Vigili della sezione di Cosenza esulta la Roma, a cui basta il 2-2 per accedere alla semifinale in vista del miglior posizionamento nella classifica generale. I ragazzi di Alberto De Rossi affronteranno l'Inter, contro la quale si giocheranno l'accesso alla finale scudetto. Il percorso del Chievo finisce qui, ma la società clivense può dirsi comunque soddisfatta vista la grande stagione della squadra allenata da Mandelli.