Notizie
Categorie: UNDER 16 DIL. - Giovanili

La Voce del capitano, Carlo Maricca e il suo Agora

Il punto della situazione con il leader del team: in situazioni difficili come queste, chi porta la fascia ha una responsabilità in più



Maricca, capitano dell'Agora

Non è una stagione facile per l'Agora. La formazione neopromossa, infatti, è l'unica ancora a zero punti: il tecnico, Marco Ardone, sta lavorando con il gruppo per puntare con forza e convinzione sul miglioramento dei singoli e in generale del gruppo, lasciando più in secondo piano, per adesso il discorso risultati. Non è comunque semplice per l'Agora la situazione: con impegno e spirito di sacrificio la squadra sta cercando, ogni volta che entra in campo, di rompere il digiuno. A margine della partita con il Giardinetti, ne abbiamo parlato la scorsa settimana con il capitano del team, Carlo Simone Maricca. "Siamo un gruppo formato quest'anno, personalmente mi sono trovato fin da subito bene, ho conosciuto persone che mai mi sarei aspettato, facendomi degli amici sia dentro che fuori dal campo." Sull'inizio di stagione: "Di certo non è bello stare a zero punti, però sappiamo anche che possiamo dare molto di più di quello che stiamo facendo, non siamo questi, e ci impegneremo al massimo per tirare su la testa. La cosa più bella di questa squadra è che non molliamo mai, proviamo sempre a reagire. Dove possiamo migliorare? Ad oggi non siamo una squadra che concretizza tanto. Questo è un problema su cui stiamo cercando di migliorare, e dobbiamo farlo, perché a volte se arrivasse un goal in più sono certo che la mentalità della squadra in campo cambierebbe. Arriverà anche quello." Maricca è stato adattato in campo: sta giocando attualmente alto, mentre un tempo giocava più indietro. "Nasco terzino sì, però mi metto a disposizione del mister, mi piace questa posizione." Sull'essere capitano: "Non è la prima volta per me, lo sono stato anche ai tempi del Carso. Per me essere capitano significa essere il primo a non mollare mai e a tenere su la squadra anche nei momenti di difficoltà. Soprattutto in quelli."