Notizie
Categorie: Giovanili - UNDER 17 DIL.

La Voce del capitano, Cimaglia e il suo Montespaccato

Al termine della gara con il Grifone Monteverde, che lo ha visto brillare in campo, abbiamo incontrato il leader di via Stefano Vaj



Francesco Cimaglia

Francesco Cimaglia è stato il primo tra i capitani incontrati per la nostra rubrica "La Voce del capitano" a conquistare, nello stesso tempo, un posto nella Top 5 della settimana. Contro il Gifone Monteverde questo centrocampista con la fascia al braccio ha infatti finda subito attirato l'attenzione su di sé. Recuperando palloni, alleggerendo la pressione, dettando i tempi, verticalizzando con piede misurato e visione. Francesco Cimaglia, capitano del Montespaccato. "Con il Grifone Monteverde è stata una gara tosta", ricorda con noi il centocampista, "cercavano la loro prima vittoria, sono arrivati affamati alla sfida con noi. Volevamo i tre punti, peccato per le occasioni non sfruttate, ma alla fine va bene così. Cosa mi è piaciuto di più in campo? La cattiveria messa nel secondo tempo. Dobbiamo invece migliorare l'approccio: dobbiamo giocare sempre con la stessa grinta, sempe con lo stesso atteggiamento per tutti e ottanta i minuti, senza aspettare di dover inseguire." Con l'Urbetevere, invece, venne fuori una gara all'inverso. "In quell'occasione non siamo stati bravi sotto porta. Saremmo potuti andare in vantaggio nella prima frazione in più di un'occasione, ma loro purtoppo sono stati più bravi a capitalizzare." Francesco è ormai giunto alla sua seconda stagione con la maglia del Montespaccato, la prima da capitano. Lui, la sua squadra, la descrive così: "Siamo un gruppo che ha talento, non solo nell'undici titolare ma anche guardando chi siede in panchina. Non cambia la qualità in campo a prescindere di chi gioca. Dove possiamo arrivare quest'anno? Se giochiamo tutte le partite come abbiamo fatto nel secondo tempo con il Grifone Monteverde possiamo fare tanto, possiamo stae sicuamente nella parte alta della classifica." Giocatore duttile, Francesco Cimaglia può spaziare in tutto il centrocampo. "Amo in particolare prendere palla e impostare. A chi mi ispiro? Per carattere e cattiveria  a Radja Nainggolan, per mentalità invece a Daniele De Rossi." Cimaglia porta al braccio la fascia da capitano del Montespaccato. "Un capitano deve essere un esempio per la squadra, sia in campo che fuori, e deve essere il primo a motivare i compagni soprattutto quando le cose non vanno bene. Non è leggera da portare, se ne sente il peso, ma è anche un piacere e mi inorgoglisce."