Notizie

Lazio pronta a stupire, partire bene per iniziare a volare

La squadra di Menichini si appresta a vivere una nuova stagione ricca di incognite e sorprese



Image title

Finalmente è arrivato. Basta chiacchiere, basta esperimenti, basta mercato. Finalmente è arrivato. Il calcio apre le porte al nuovo campionato Primavera e lo fa tra conferme, addii e vecchie conoscenze vogliose di tornare prepotentemente sulla scena. Quella scena che la Lazio si vuole prendere con tutti gli onori del caso, dopo una stagione travagliata e sofferta. Una caduta nell'inferno della Primavera 2, per arrivare ad una risalita che ha portato alle porte del Purgatorio prima, con l'incognita playoff e all'estasi poi, con la scalata fianle fino al Paradiso della promozione in Primavera 1. Una salita rapida, che la Lazio ha affrontato tenacemente e alla quale è arrivata in cima con merito. Ora però è il momento di non  cadere negli errori del passato. Il campionato Primavera si sa, è complicato. Tutte le squadre da un anno all'altro cambiano molto e le sorprese sono sempre dietro l'angolo. Non esistono squadre materasso, tutte se la possono giocare nonostante due tre squadre sembrano avanti atutti, con l'Inter ad aprire la fila. La Lazio deve inanzitutto salvarsi. Questo è obbligatoriamente il primo obiettivo. La voglia è però quella di stupire. La società l'ha dimostrato in parte con il colpo Menichini in panchina. Mister dall'esperienza decennale e che è arrivato alla Lazio con una idea di gioco ben precisa in testa. Già dai primi allenamenti il 4-3-1-2 è stato la base sulla quale poggiare la nuova stagione. Punti fermi sono sicuramenta Alia in porta e la coppia Cipriano-Armini, che compongono un blocco che in pochi possono vantare a questo livello. I terzini saranno quasi sicuramente De Angelis e Falbo, mentre a centrocampo Bianchi prenderà quasi sicuramente in mano il controllo del gioco. Dubbi invece in avanti, dove l'unico certo del posto sembra Cerbara, con gli altri attacanti che a turno gli gireranno intorno. La Lazio vola a Sassuolo quindi con diverse certezze, ma anche tante incognite. Sicuramente non sarà della partita il nuovo acquisto Raul Moro. Per la promessa ex Barca infatti ancora non è arrivato il transfer dalla Fifa ed inoltre risponderà alla chiamata dell'Under 18 spagnola. La sfida col Sassuolo quindi ci potrà già dire di che pasta è fatta questa Lazio, perchè l'avversario è forte e con diversi talenti da mettere in mostra. Non ci resta che aspettare Domenica e vedere come inizieranno i biancocelesti, con la voglia di stupire e la consapevolezza che vincere darebbe una spinta in più a questa nuova stagione.