Notizie
Categorie: Dilettanti - Eccellenza

Nuova Monterosi, Casciotti: "Qui si pensa in grande"

L'estremo difensore del team viterbese, autore di un ottimo campionato: "Convinto dal progetto ambizioso"



Sino ad ora è una stagione praticamente da incorniciare per la Nuova Monterosi, la squadra viterbese infatti sta letteralmente dominando il girone A del campionato di Eccellenza e, al netto di clamorosi imprevisti, la promozione in serie D sembrerebbe essere veramente a portata di mano. Se c'è un dato che impressiona, oltre agli 11 punti di distacco dallo Sporting Città di Fiumicino, sono le sole 17 reti subite dal team biancorosso, che dimostra di avere quindi di gran lunga la difesa migliore del campionato considerando entrambi i gironi. E qui molto del merito, oltre ad una difesa di ferro, va ad un giovane portiere che partita dopo partita sta dimostrando a tutti le sue notevoli qualità: stiamo parlando di Alessandro Casciotti, estremo difensore classe '96 con un passato in serie D tra le fila di Astrea e soprattutto Aprilia, che quest'anno ha deciso di mettersi in gioco sposando in toto il progetto del team di D'Antoni.

Alessandro, come è nata la decisione di scendere di categoria per venire a giocare a Monterosi?
Dopo la stagione con la maglia dell'Astrea sono tornato ad Aprilia dove ho passato un altro anno, al termine del quale ho maturato la decisione di cambiare aria per trovare nuovi stimoli. Ad Aprilia stavo bene ed in più era anche una scelta comoda sotto il profilo logistico, ma ormai avevo scelto di rimettermi in gioco. Ho avuto richieste sempre in serie D da squadre quali San Cesareo e Cynthia, ma poi ad inizio luglio sono stato contattato dalla Nuova Monterosi, il loro progetto mi colpì subito per l'ambizione e la voglia di fare le cose in grande, e così decisi di sposarlo.

Alessandro Casciotti durante la sfida contro lo Sporting Città di Fiumicino ©Laura Del GobboOra sei il portiere titolare della Nuova Monterosi, ruolo che ti sei preso in maniera graduale...
All'inizio sono stato sfortunato: nel corso della prima gara ho ricevuto una testata che mi ha rotto diversi denti. Da qui in avanti per un certo periodo di tempo è stato un calvario, non stavo mai a posto fisicamente e non potevo allenarmi come volevo. Ma una volta risolto tutto e riacquistata la forma fisica è tornata anche la fiducia, ed ho potuto così finalmente far vedere quali sono le mie qualità.

La tua squadra ha la migliore difesa del campionato: quanto c'è di tuo in questo genere di primato?
Beh, sicuramente molto! A parte gli scherzi gran parte del merito è di tutta la squadra, ma la difesa in particolare sta facendo un lavoro eccezionale, e specialmente i due centrali stanno disputando un campionato spettacolare. Sono dell'idea che per prima cosa bisogna evitare di prendere goal, poi puoi pensare a segnare. Non a caso la maggior parte delle squadre vincenti basano la loro forza innanzi tutto su delle difese molto solide.

Per concludere Alessandro, quali sono i tuoi obiettivi personali? Dove ti vedi tra un anno?
Nella prossima stagione mi vedo in serie D. Magari con la maglia della Nuova Monterosi: qui si sta bene, ci sono meno pressioni rispetto ad altre piazze, per esempio Aprilia, e così i giocatori hanno un'ambiente ideale dove poter esprimere le loro qualità.