Notizie
Categorie: UNDER 17 DIL. - Giovanili

Oltre l'Elite, il piccolo grande gesto di mister Cirica

Il tecnico del Montefiascone, corazzata del girone A dell'Under 17 Regionale, si è reso protagonista di un episodio di fair play da manuale dell'educatore



Mirco Cirica, tecnico del Montefiascone

Siamo abituati a scene di tutti di tipi sui campi. Genitori che urlano cose impronunciabili, allenatori che inveiscono contro gli arbitri dimenticandosi di dovere essere i primi a dare l'esempio ai propri ragazzi, dirigenti che buttano palloni in campo e chi più ne ha, più ne metta. A volte sembra il far west, dove ogni principio morale vola via come un dente di leone al vento, di fronte all'esigenza tremendamente concreta del dover portare a casa quei maledetti punti. Ma non è sempre così. Ci sono persone che hanno ancora la forza di pensare che si può fare di più per il gioco, che si può dimostrare di più ai propri ragazzi. Ci troviamo nel finale di una partita del campionato Under 17 Regionale, in campo Montefiascone e Campus Eur, grandi rivali in questo campionato, protagoniste dell'atteso big match di alta classifica. I bianconeri conducono sul 2-0, manca una decina di minuti al termine della super sfida, quand'ecco che la gara si riapre: il Montefiascone segna l'1-2. Ma proprio in quel momento il tecnico dei falisci, Mirco Cirica, prende la parola e comunica all'arbitro che il goal è viziato da un fallo di mano. Il direttore di gara, prendendone atto, annulla la rete che avrebbe potuto riaprire tutto. Un gesto che trasuda sportività allo stato puro e una grandissima dignità. "Per me è assolutamente normale portare a termine ogni partita nel massimo della serietà e correttezza", commenta con noi mister Cirica, che non vede proprio nulla di straordinario nel suo gesto. "L'ho fatto in automatico, appena mi sono reso conto dell'accaduto, nonostante i miei ragazzi fossero già presi dall'euforia per la riapertura dei giochi. Di fronte allo stupore di tutti e anche per evitare che il clima si scaldasse in seguito a un'ingiustizia di quel tipo per i nostri avversari, ho fatto quello che ho fatto". Abbiamo chiesto a mister Cirica come sia andata poi negli spogliatoi con i suoi ragazzi: "All'inizio hanno avuto un duro scontro con me (ride, ndr) non l'hanno digerita subito bene come cosa. Ma dopo un confronto, anche duro se vogliamo, i ragazzi hanno capito benissimo il significato di quel gesto: macchiare il nostro percorso in campionato con un goal come quello non è sinceramente una cosa che mi appartiene. E non volevo allo stesso modo che appartenesse ai miei ragazzi. Ho cercato di farglielo capire e certamente ne riparleremo ancora. Ma essendo tutti i miei ragazzi svegli e intelligenti, sono sicuro che abbiano già riflettuto e capito".  Un'integrità eccezionale quella del tecnico, un vero esempio per i suoi ragazzi che merita un applauso. Come merita un applauso in generale la grande stagione di questo splendido Montefiascone, in lotta ai piani alti. "È una stagione fantastica davvero. Noi siamo una realtà di provincia e se consideriamo il fatto che siamo secondi in un campionato regionale, facendo anche giocare spesso ragazzi sotto età, possiamo dire davvero di aver ottenuto un grande risultato. Non ce l'aspettavamo e, anzi, probabilmente molti dei nostri successi li abbiamo ottenuti proprio grazie alla spensieratezza derivante dal non avere pressioni. I ragazzi? Sono impagabili. Facciamo tre allenamenti a settimana, chiedo loro uno sforzo enorme, eppure li vedo arrivare sempre al campo senza battere ciglio. Sono contentissimo e fiero di loro ai limiti dell'innamoramento (ride,ndr) e anche per questo spero che quanto accaduto con il Campus Eur possa avergli trasmesso qualcosa. Alla fine noi mister siamo degli educatori, e dovremmo cercare sempre di esserlo fino alla fine, nella maniera migliore possibile".