Notizie
Categorie: Dilettanti - Serie D

Ostiamare, Mastropietro: "De Rossi un modello da seguire"

Il giocatore biancoviola sul centrocampista ex Roma: "Anche se abbiamo ruoli diversi cerco di emulare la sua grinta e la sua determinazione"



Alan Mastropietro ©OstiamareDopo un breve interregno tra i suoi amici, quelli del quartiere, ossia della Polisportiva Pian Due Torri, Alan Mastropietro è tornato a recitare, con le scarpe chiodate al piede, in teatri ben più prestigiosi, di una comunque nobile Promozione. La stella della Magliana è in serie D e si esibisce allo stadio Anco Marzio, indossando una maglia storica e alquanto prestigiosa: quella bianco viola dell’Ostiamare. Un club, quello caro a patron Lardone, che ha visto militare in passato tra le proprie file gente del calibro di Daniele De Rossi, tanto per citarne diciamo uno. “Ed io mi ispiro proprio a lui -dichiara con orgoglio Alan Mastropietro- De Rossi è sempre stato un’esempio da seguire per me anche se abbiamo ruoli in campo totalmente differenti. La grinta e la determinazione che riversava in campo l’ex campione della Roma, cerco di emularla anche io, durante i match in cui scendo in campo con l’Ostia Mare”. Già, l’Ostia Mare. Una società che, tramite il suo esperto direttore sportivo Fabio Quadraccia, ha avuto l’intuizione di riportare Mastropietro a ridosso di un campionato professionistico. “Sono felice di giocare ad Ostia in un campionato molto importante- racconta il classe 1995- il mio rendimento, in questo formidabile gruppo di cui faccio fortunatamente parte, dati alla mano si sta rilevando positivo. Se tutto procede per il verso giusto anche per quanto concerne me stesso, il  merito è del presidente, dei dirigenti, del tecnico Raffaele Scudieri che ripone molta fiducia in me e naturalmente dei miei compagni”. Concetti umili, semplici ma profondi, quelli espressi da un ragazzo d’altri tempi che è già papà ed ama il calcio e dunque lo sport, con tutto il buon cuore che lo contraddistingue. “Le emozioni -prosegue l’esterno d’attacco- che trasmette il calcio sono uniche. Vivere lo spogliatoio ogni giorno, l’ebbrezza del pre gara, il durante di una partita e per concludere l’amicizia che si crea tra compagni di squadra, è ciò che di meglio posso avere, in termini prettamente sportivi, dalla vita”. L’Ostiamare attualmente è una squadra forte, ambiziosa e spavalda: la Turris appare una lepre troppo rodata, scaltra e veloce per tutti ma i lidensi, hanno deciso caparbiamente di coltivare un sogno. “La nostra -conclude Mastropietro- è una famiglia solida: questa è la vera forza dell’Ostiamare. Massimo rispetto per la Turris che sta vivendo una stagione eccezionale. Noi però  siamo orgogliosi di essere alle loro spalle ed intendiamo mettergli seriamente pressione fino alla fine”.