Notizie

Panathlon Roma: una serata per le associazioni benemerite

Al Circolo Montecitorio un evento per promuovere la cultura e l’etica nell’ambito dello sport italiano



Giorgio Costa, Giampiero Cantarini e Gianni Gola

Martedì 28 maggio, nella prestigiosa cornice del Circolo Montecitorio, il Panathlon Club di Roma ha organizzato un evento dedicato al tema “Associazioni Benemerite: Cultura ed Etica Sportiva”. Un'occasione di incontro tra le molte anime da cui sono composte le Associazioni Benemerite del CONI, che ha tra i numerosi ospiti ha visto la partecipazione di Giorgio Costa, Presidente del Panathlon Distretto Italia, e Gianni Gola, Presidente dell’Associazione Nazionale Stelle al Merito Sportivo. A fare gli onori di casa il Presidente del Panathlon Club di Roma, Giampiero Cantarini, che in apertura ha portato i saluti del neoeletto Presidente del Circolo Montecitorio, Dott. Piergiorgio Mariuzzo. “Vi è, da sempre, grande sintonia ed unione di intenti tra tutte le Associazioni Benemerite del CONI. Promuovere la cultura e l’etica nell’ambito dello sport italiano è la missione che ci accomuna e che ci fa sentire parte integrante di un’unica famiglia”, ha sottolineato Cantarini. Sulla stessa lunghezza d’onda anche il presidente nazionale Costa, che ha ringraziato tutti i soci per l’impegno profuso ed ha illustrato la sfida più impegnativa che il Panathlon International è chiamato ad affrontare: “Abbiamo il compito di diffondere, soprattutto tra i più giovani, tutti quei valori etici e morali che nella società moderna si stanno perdendo sempre di più”. Ma, per assolvere al meglio questo obiettivo, è necessaria la massima sinergia con il Governo e le istituzioni pubbliche, in primis la scuola. “Nel nostro Paese non abbiamo ancora maturato la consapevolezza dell’importanza del ruolo sociale dello sport, un fattore che sposta gli equilibri all’interno del tessuto connettivo della nostra società. E’ un vero peccato che vi siano esigenze di presenza attiva e qualificata, di indirizzo e di coordinamento nell’immensa attività sportiva italiana alle quali non rispondiamo”, ha avvertito lo storico dirigente sportivo Gola, prima di approfondire cause e prospettive del problema strutturale. “Le Associazioni Benemerite non riescono ad assolvere in maniera efficace la propria funzione se il Governo non è in grado di fungere da guida e di indicarci in che direzione dobbiamo andare. Abbiamo nel nostro Dna tutte le competenze per apportare un contributo decisivo alla crescita dello sport italiano ma occorre che dall’alto ci mettano in condizione di poterlo fornire. Il Governo deve dirci cosa dobbiamo fare per il Paese e noi lo faremo”. Lo stesso Gola ha poi auspicato una modifica dell’attuale regolamento delle Associazioni Benemerite: “Non possiamo accontentarci di un elenco di proclami e regole organizzative, occorrono più punti programmatici: alziamo la testa e proponiamo ciò che vorremmo cambiasse”. In chiusura, il presidente Cantarini ha ricordato i prossimi impegni che vedranno protagonista il Panathlon Club di Roma: la cerimonia di consegna delle targhe etiche a scuole e associazioni in concomitanza con il Panathlon Day, fissato per il 12 giugno, e l’attesissimo Premio “Pietro Mennea 2019”, che verrà consegnato il prossimo autunno.