Notizie
Categorie: Dilettanti - Eccellenza

Passione e voglia di vincere. Salvadori "La mia Bucinese"

Il ds racconta la sua stagione con il team toscano che sta provando a raggiungere la salvezza. Una storia che parte da lontano...



Cristian Salvadori ©GazReg

Si sa, nel mondo dei Dilettanti bisogna spesso far di necessità virtù. Ma quando le difficoltà sono maggiori, la durezza della sfida amplifica la gioia di un successo. E' con questo spirito che Cristian Salvadori ha abbracciato la Bucinese, team toscano che gioca in Eccellenza, ma che al suo interno ha un po' di Roma ed un po' di mondo. Chi ha costruito la squadra è proprio il giovane direttore sportivo, appena quarantunenne, che ha tanta voglia di arrivare e di mettere in mostra le sue capacità. Nonostante l'età ha già maturato esperienze importanti. In Serie C erà al timone della Sangiustese, che arrivò decima nonostante il budget più basso dell'intera categoria. La palestra è poi proseguita con la D insieme alla Sangiovannese e come istruttore Walter Sabatini, che lo ha spinto ad entrare in questo mondo, quando lo conobbe ai tempi dell'Arezzo. Un trascorso che lo porta ora ad essere orgoglioso di quanto fatto con la Bucinese

Da agosto ad oggi "Domenica abbiamo vinto 5-1 contro una squadra più avanti di noi in classifica, il Grassina. Questo è il segnale che la squadra ha grandi qualità, nonostante ora la posizione di classifica sia difficile. Siamo a due punti dalla salvezza diretta e nelle prossime 7 giornate avremo 3 scontri diretti da non fallire. Se pensiamo però a come era iniziato questo campionato possiamo parlare di un autentico miracolo. Ad agosto non c'erano giocatori tesserati ed allora il presidente Lodi ed il suo gruppo mi hanno contattato per formare la squadra. Il budget non è stato molto ampio e quindi ho dovuto mettere mano a tutte le conoscenze che ho per cercare di renderla competitiva. Pian piano ci siamo riusciti e ci sono diversi elementi che potrebbero giocare anche in campionati di categoria superiore. Penso a Kambo che è arrivato i primi di ottobre, oppure ad Adamo (centrocampista scuola Roma, leggi qui) Lo stesso Accrachi (ex Pro Roma) è un attaccante di valore. Deve sbloccarsi, ma i segnali che ha dato sono incoraggianti. Tra le Salvadori e Matteo Adamonostre fila ho portato un ex Primavera della Salernitana Francesco Ranieri e poi ci sono anche Babacar Tounkara e Vanni, centrocampista classe '99 che è il nostro equilibratore. Questa è una squadra che è partita con grande ritardo rispetto alle altre, ma che sa giocare a calcio. Lo abbiamo dimostrato pareggiando per due volte contro la prima e la seconda della classe e sono sicuro che domenica prossima contro il Porta Romana lo dimostrerà di nuovo. Sui campi buoni, in sintetico, riusciamo a dare il meglio di noi stessi. Sono quindi orgoglioso di quanto ho fatto e di quanto stanno facendo i ragazzi sul campo, adesso attendiamo solamente di raccogliere i frutti".