Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Nazionali

Primo innesto per la Mirafin: arriva Paulo Pinto

La formazione ardeatina inizia a muoversi sul mercato accordandosi con un universale di grande esperienza



La presentazione di Pinto

Bianchi & Pinto sembra una di quelle scritte che spesso vediamo nei film d'oltreoceano sulle porte dei negozi, ma per la Mirafin significa il primo vero colpo di mercato. Maurizio Bianchi ha chiamato, Paulo Pinto ha risposto, come si erano reciprocamente promessi, come due amici veri rispettano la parola data. I due si erano lasciati con la speranza di tornare sul campo insieme, una speranza che si è tradotta in realtà, ne parliamo proprio con il ds che ha condotto in porto l'operazione.

Maurizio, subito un colpo a 5 stelle "Sono assolutamente convinto delle qualità di Paulo e sono felice che il presidente e l'intero staff tecnico abbiano condiviso la mia proposta. E' un ragazzo che aveva grandi possibilità di scelta, ma ci eravamo stretti la mano e lui ha dato seguito a quanto mi aveva promesso, questo la dice lunga su che tipo di ragazzo sia, un caso più unico che raro in un mondo dove tutto è in vendita anche per poche decine di euro"

Parlaci del tuo amico: "Prima di tutto ci terrei a precisare che Paulo è un grande giocatore ed è qui soprattutto per questo, si tratta di un ragazzo che ha giocato in tutto il mondo, dal Portogallo al Brasile, dalla Cina alla Spagna, dall'Italia alla Romania, se non hai grandi qualità difficilmente puoi giocare in campionati di questo livello"

Descrivici Paulo Pinto giocatore "Classe 1983 ma soprattutto classe da vendere. Universale vero, grandi doti tecniche e tattiche, uno di quei giocatori che rappresenta il prototipo del giocatore che tutti vorrebbero avere. Ma non vorrei essere troppo di parte, preferirei che il campo lasci decidere le qualità del ragazzo, vedrete che ci sarà da divertirsi"


Maurizio, le conferme le conosciamo, ora Paulo Pinto, il domani che ci riserva "C'è qualche nome importante della rosa dello scorso anno con il quale siamo verificando le possibilità di rinnovare, qualche altra idea in fase avanzata di approfondimento l'abbiamo. Non ci possiamo permettere di sbagliare, dobbiamo pensare a pochi innesti ma dovranno  essere quelli giusti, sotto tutti i punti di vista. Per comprare e strapagare solo dei 'nomi', non sarebbe servita la mia presenza"