Notizie

Roma contro Torino: obiettivo terzo posto al Tre Fontane

Con una vittoria contro i granata, i giallorossi di Alberto De Rossi possono raggiungere momentaneamente il gradino più basso del podio occupato dalla Fiorentina



Image title

Dopo 20 giorni di pausa si torna a giocare e la Roma Primavera di mister Alberto De Rossi vuole ricominciare come aveva finito: vincendo. Prima della sosta infatti Celar e compagni si erano imposti per 4 a 2 contro il Genoa. Nel lunch match di domani (ore 13:00) affronta allo stadio delle Tre Fontane, il Torino che viene dalla sconfitta in finale di Coppa Italia contro la Fiorentina. La Roma, attualmente quinta in classifica, con una vittoria può portarsi momentaneamente al terzo posto scavalcando gli stessi granata e la Fiorentina. Il tecnico giallorosso ieri ai microfoni di Roma Tv ha dichiarato: " Questa sosta serve a poco, troppo lunga, ha rifermato tutto il nostro allenamento, non tanto a livello tecnico-tattico, quanto sulla gestione. Noi facciamo affidamento sull’intelligenza dei ragazzi, l’importante è allenarsi seriamente. Quest’anno ci è successo di tutto, però siamo stati bravi a ricompattarci. Chi giocava meno inizialmente è cresciuto, lo dobbiamo soprattutto a loro se siamo nel gruppo di testa. Bianda e Bouah? Rivederli già che corrono, vedere Calafiori che corre, è la fotografia di questo anno disgraziato". Per questo finale di stagione sarà importante poter contare su tutti, come ha sottolineato il tecnico. Ha parlato anche Semeraro, difensore alla corte di Alberto De Rossi. Le sue parole al programma di Roma Tv, Next Generation, hanno riguardato a tutto tondo la sua vita in giallorosso. "Il Settore Giovanile giallorosso è il migliore d'Italia" ha detto Francesco, che qui a Roma dice anche di sentirsi a completo agio, in totale sintonia con ambiente e compagni. Sogna di esordire con la Roma dei grandi, lui, che un anno fa ha dovuto vedersi scontrare le sue due squadre del cuore in Champions. E' il Barcellona la sua formazione dei desideri, quella dei campion per eccellenza, sebbene sia Marcelo il riferimento in termini di singolo giocatore da ruolo affine al suo. Poi, Semeraro ha parlato del suo ruolo: "Mi piace molto spingermi avanti, i gol in passato lo dimostrano. In prima squadra è stata un'emozione la gara con l'Empoli. Quando mi alleno coi grandi imparo da tutti." Domani, insomma, all'Eur, vedremo se intanto il sogno playoff si avvicinerà maggiormente.