Notizie
Categorie: SERIE A - Nazionali

Roma, vinci il derby ed elimina una concorrente alla Champions

Ecco il giorno della partita più attesa e temuta. Se i giallorossi battono la Lazio, le complicano in maniera definitiva la rincorsa all'Europa che conta ma la cabala…



Lo spogliatoio della Roma @DeCesaris

C’è chi lo vive con estremo distacco: mangiando il giusto, dormendo zero e (in caso di vizio) fumando pacchetti di sigarette a ripetizione. C’è, poi, anche chi, invece, la considera una partita come le altre. Probabilmente finge. Perché se sei un tifoso di calcio, soprattutto se tieni ad una delle due squadre della Capitale, il derby non potrà mai essere una gara normale.

 

Pellegrini, Kolarov, Fazio Ripartiamo da qui: sabato 29 settembre 2018. L’ultima volta che Roma e Lazio si sono affrontate in campionato, quindi nel girone d’andata. Una bella giornata di sole, pubblico delle grandi occasioni e partita che si accende solo con l’uscita di Pastore per infortunio (strano…) e l’ingresso di Lorenzo Pellegrini che poi si rivelerà tra i principali protagonisti: un gol, una punizione guadagnata per la “bomba” di Kolarov e l’assist per il 3-1 finale di Fazio. Un altro anno, un’altra fase della stagione. Un’altra Roma, un’altra Lazio: a settembre i giallorossi erano in crisi di prestazioni e risultati con Di Francesco sulla graticola pronto a lasciare la panchina. I biancocelesti, invece, viaggiavano davvero forte tanto da arrivare alla stracittadina reduci da ben 4 vittorie consecutive.

 

Tutta un’altra storia Ora le carte in tavola sono cambiate: la Roma vince ma non convince. Anche il 2-3 di Frosinone, arrivato in extremis grazie ad una “cosciata” di Edin Dzeko, non ha fatto stropicciare gli occhi ai tifosi romanisti. Certo i tre punti pesano parecchio, contando anche i risultati delle avversarie (vedi la sconfitta dell’Inter ieri sera) ma la mancanza di gioco, di una manovra fluida e di idee non lascia ben sperare per il Porto che attende in Champions  De Rossi e compagni mercoledì sera a domicilio. 

La Lazio dal canto suo sembra in ripresa. Una rosa fin troppo corta, ancor più dimezzata dagli infortuni, non ha retto agli impegni invernali. Per quanto qualche obiettivo i ragazzi di Inzaghi lo abbiano centrato: fuori dall’Europa League per mano del Siviglia, il club di Lotito è riuscito a guadagnare le semifinali di Coppa Italia, uscendo indenne (e anzi meritando anche qualcosa in più…) dalla prima sfida contro un Milan on fire

 

Rincorsa Champions Roma e Lazio sono distanziate da sei punti in classifica: distacco virtuale, visto che la formazione di Formello dovrà recuperare il match contro l’Udinese, saltato tra rugby e impegni vari. E’ vero anche che i giallorossi, in caso di vittoria, eliminerebbero in maniera quasi definitiva una concorrente. Per di più agganciando l’Inter in terza posizione in attesa del Milan. Per provare a scalzare i biancocelesti, Di Francesco ritrova Manolas. E per fortuna aggiungeremmo: la distorsione alla caviglia subita allo Stirpe sembra assorbita. Anche perché il greco, considerando il Fazio di questa stagione, è proprio imprescindibile in un reparto già colabrodo di suo. Ecco perché, poi, molti esperti puntano sul rientro di Juan Jesus più che sulla presenza dell’argentino. Scartato il pericoloso diffida, ci sarà spazio anche per Zaniolo, pronto a giocarsi il suo primo derby. E da protagonista. Il suo ritorno, a cascata, muoverà tutti gli altri reparti con Pellegrini libero di tornare in mediana accanto a De Rossi, senza dimenticare la presenza di Cristante. Con Florenzi e Kolarov sugli esterni, davanti largo al tridente Zaniolo (appunto)-El Shaarawy-Dzeko. A proposito del bosniaco…

 

Cabala I numeri sono importanti. Specie in partite come questa. Se la Lazio non vince un derby dall’Aprile del 2017 (3-1 con doppietta di Keita e gol di Basta), è anche vero che Dzeko all’Olimpico e con la maglia della Roma non ha ancora segnato. Le sue sette reti in campionato, infatti, sono arrivate tutte lontano dalla Capitale. Considerando che oggi è la Lazio a giocare in casa, mi sembra una splendida notizia, non trovate?