Notizie
Categorie: Giovanili - UNDER 15 DIL.

Spettacolo al Certosa: Tirreno, la finale è tua!

I neroverdi portano a casa una vittoria meritata in una partita tesa, contro un Dabliu fino alla fine vivo



GIOVANISSIMI PROVINCIALI - Finale
DABLIU NEW TEAM-POLISPORTIVA TIRRENO 1-2

DABLIU NEW TEAM Fraschetti 6, Erba 6, Avenia 5.5 (8’st Di Mario 6), Di Girolamo 6 (34’st Avenia 7), Pasquali 5.5, Angelini 6, Giovannetti 5.5 (32’st Lungo sv), Battaglia 5.5 (17’st Attanasio 6), Traviglia 6.5, Marziali 6.5, Divona 6 (22’st Capasso 6.5) PANCHINA Minucci, Giansante ALLENATORE Di Girolamo

TIRRENO Settembrini 6, Bertuccio 6, Bartolini 6, Procesi 7.5, Galassi 6.5, Maresca 6, Giuda 6 (13’st Rade 6.5), Fecci 6, Andreoni 6.5, Di Folco 6.5, Arcese 6 (39’st Scorpati) PANCHINA Sbaraglia, Gigliotti, Lo Monaco, Sanetti, Schiavoni ALLENATORE Bizzarri

MARCATORI 13’pt Andreoni (T), 34’st Avenia (D), 39’st Procesi (T)

NOTE Ammoniti Procesi Angoli 5-3 Fuorigioco 3-1 Rec.1'pt, 5'st


Il Tirreno esulta a via di Centocelle a fine partita con la coppa (foto Paolo Lori)


Una volta che vedi il traguardo, la voglia di superarlo è troppo forte. Il rischio di cadere c’è, ma non ci pensi. Almeno finché non succede. E per uno che cade ce n’è un altro che vince. Dabliu e Tirreno non vogliono essere quelli a terra, ma quelli che dopo una maratona lunga mesi vogliono portare a casa un riconoscimento importante: la finale. Al Certosa le squadre di Di Girolamo e Bizzarri si sfidano per determinare chi, dopo tante fatiche, è la più forte. La grinta e la fisicità del Tirreno, contro la tecnica e la velocità del Dabliu. Il match è equilibrato fin dai primi minuti, anche se l’aggressività dei neroverdi mette in difficoltà gli avversari. Il Dabliu sembra in confusione e il Tirreno prova ad approfittarne prendendo in mano il pallino del gioco. I ragazzi di Bizzarri sfruttano il momento e alla prima occasione passa: Fecci disegna una punizione perfetta, che trova divinamente Andreoni, che tutto solo deve solo spingere in rete il pallone dell’1-0. I biancoblu dopo il goal subito sembrano rianimarsi e dopo cinque minuti di assestamento iniziano a carburare. La più grande occasione del primo tempo capita sulla testa di Marziali, che stacca bene ma tutto solo non inquadra incredibilmente la porta. La prima frazione non regala più emozioni e così le squadre rientrano nello spogliatoio sull’1-0. Nella ripresa i ritmi non sembrano volersi abbassare. L’incontro è infuocato, con entrambe che non mollano neanche un centimetro di campo. Attacca bene il Tirreno, ma la chance più limpida dopo 15’ se la crea Traviglia, che dal limite si gira e prova la rasoiata sulla quale è bravo Settembrini a rispondere presente. La partita sembra incanalata tranquillamente sui binari neroverdi ma nel finale succede di tutto. Il Dalibu si butta in avanti e al 34’trova un incredibile pareggio con d’Avenia, che entrato da dieci secondImage titlei si traveste da salvatore della patria ribadendo in rete una corta respinta di Settembrini. Il match sembra destinato ai supplementari, ma il Tirreno non è dello stesso avviso. Dello stesso avviso non lo è in particolar modo Procesi, che ad un minuto dalla fine va via a centrocampo con un sombrero e dal limite fa partire un tiro che fa urlare di gioia il Certosa. Il Tirreno vince una partita memorabile e ottiene un trionfo che rimarrà scolpito nei cuori di chi l’ha vissuta.