Notizie
Categorie: Giovanili

Valmontone, ecco Innocenzi: "Non vedo l'ora di iniziare"

Il nuovo tecnico dei classe 2007 si presenta: ecco le sue sensazioni in vista dell'imminente inizio della stagione



Innocenzi

 Il Città di Valmontone ha scelto un “debuttante” per la panchina dell’Under 14 regionale. Si tratta di Giovanni Innocenzi, fino a poco tempo fa giocatore di buon livello (ha militato anche in Eccellenza con la Vis Artena) e da un paio di mesi “titolare” del patentino Uefa C: “Devo ringraziare la società nelle figure del presidente Bellotti e del direttore sportivo Consalvi per la fiducia che mi hanno dimostrato – rimarca il tecnico – Per me sarà la prima esperienza nel settore agonistico dopo sette anni di Scuola calcio”. Innocenzi allenava i 2008 del club lepino nella passata stagione e ora cercherà di trarre il massimo da questo gruppo 2007: “I ragazzi non hanno potuto fare alcun tipo di prova su campo a 11, considerata la chiusura anticipata della vecchia stagione a causa del Covid. Inoltre parliamo di un gruppo che è stato rinnovato per circa metà degli effettivi e quindi ci sarà da lavorare sullo spirito di squadra. Tecnicamente ci sono due o tre elementi di ottimo spessore e altri ragazzi validi, ma sappiamo che la categoria regionale nasconde diverse difficoltà e quindi l’obiettivo primario è quello della salvezza”. Il giovane allenatore sta guidando la squadra dallo scorso 30 agosto: “Dopo aver iniziato coi primi allenamenti in sede, è stata molto importante l’opportunità che ci ha fornito la società di andare in ritiro per una settimana sul lago Trasimeno: un modo per accelerare il processo di formazione dello spirito di gruppo”. A meno di nuove comunicazioni, il campionato Under 14 regionale comincerà il prossimo 24 ottobre: “Abbiamo ancora più di un mese di lavoro davanti e questo ci permetterà di affinare la conoscenza tra il sottoscritto e i ragazzi. La squadra dal punto di vista comportamentale è predisposta al sacrificio e mi ascolta: siamo fiduciosi di poter fare una buona stagione” conclude Innocenzi.