Notizie

Vivace e Città di Pomezia rallentano, il Nettuno è tornato?

La corsa in vetta nel girone G è più che mai aperta con i verdiblù che, dopo un periodo di sbandamento, tornano con veemenza a ridosso della capolista



Esultanza Nettuno ©Facebook/Petrangeli

Il Nettuno agguanta un’altra importante vittoria e, sfruttando gli stop di Vivace Furlani e Città di Pomezia, si riprende la seconda posizione. La vetta per i verdiblù non era così vicina ormai dalla decima giornata, quando la distanza con la Vivace era di soli tre punti. Da lì la compagine nettunese inizia ad arrancare lasciandosi passare prima dalla Virtus Divino Amore e poi dal City. La Virtus non riesce a mantenere il passo per molte giornate, il Pomezia di Castelluccio invece inizia ad incasellare vittorie su vittorie e parallelamente alle dimissioni di Antonelli dal Nettuno sembrerebbe l’unica formazione pronta ad ostacolare il cammino dirompente della Vivace, che intanto continua a confermarsi. Da tre turni a questa parte però la classifica si sta pian piano ridisegnando nei piani alti, regalando nuove speranze ad un Nettuno che sembrava allo sbando: Vivace e Pomezia mettono via soli quattro punti, mentre i verdiblù fanno la voce grossa, infilano l’en plein e tornano con veemenza in corsa. In ogni caso in questo girone se si ripercorrono tutte le varie fasi si può notare il sostanziale equilibrio con biancorossi e verdiblù che ad inizio stagione apparivano, almeno sulla carta, come favoritissime, invece, a sorpresa, nella bagarre spuntano le ruote di Virtus Divino Amore e Città di Pomezia, due squadre che macinano buon gioco e che riescono a mantenere la velocità delle due principali contendenti al titolo. Adesso il rush finale sarà più acceso che mai con la Vivace Furlani che, forte del vantaggio, proverà a mantenere la posizione, avendo per giunta la possibilità di giocarsi la Promozione in Coppa Lazio (tra poco meno di un mese ci saranno le semifinali ndr.), mentre il Nettuno cercherà di continuare a scalare la classifica conscia di avere i due importantissimi scontri diretti con i biancorossi ed i rossoblù in casa alla venticinquesima e ventisettesima giornata. Poi il Città di Pomezia che dal canto suo tenterà ancora a dar fastidio lì davanti, forte della consapevolezza dei suoi mezzi dopo una grande prima parte di stagione. Infine c’è la Virtus una squadra ostica che probabilmente in altri gironi avrebbe potuto dire la sua, ma si è ritrovata in un girone di ferro ed adesso i nove punti di distacco dalla battistrada Vivace e le due squadre che la separano da quest’ultima gli inibiscono i sogni e le speranze, anche se, si sa: nel calcio mai dire mai.