Cerca

DOPO GARA

Avellino,Tudisco e l'autostima: "Per noi sono tutte finali"

Passo in avanti per gli irpini con il Frosinone. Rimpianto per non aver sfruttato il rigore del possibile 0-1, ma rispetto a Pescara il tecnico nota miglioramenti

29 Gennaio 2018

Avellino,Tudisco e l'autostima: "Per noi sono tutte finali"

Image title

Sarebbe riduttivo guardare la casella dei punti ferma allo 0. L' Avellino di Guglielmo Tudisco, nuovo allenatore da metà novembre in seguito al vuoto lasciato dal dimissionario Tonino Iandolo, al 4-7 rimediato in casa nella sfida al Pescara ha risposto con un'altra buona prestazione alla "Città dello Sport" contro il Frosinone di David D'Antoni, avendo anche l'opportunità di potersi portare in vantaggio con il rigore conquistato da Greco, ma poi parato da Palombo a Mentana. La grinta, la forza atletica e l'essere squadra dal primo all'ultimo minuto dovrà essere trasferita anche in Sardegna nella gara sulla carta proibitiva con la capolista Cagliari. Ma come ha ribadito Tudisco, i ragazzi si impegnano in settimana e si divertono e raramente il suo gioco sfocia nel difensivismo e attendismo. Anche tra una settimana i Lupi biancoverdi metteranno in campo il 100%.


"Anche domenica con il Pescara il risultato potrebbe indurre a pensare che la squadra abbia giocato male, sottotono. Invece no, abbiamo tenuto testa anche al Pescara fino all' 87'. Poi il calcio è cosi, i ragazzi a volte non hanno la stessa concentrazione per novanta minuti e perdono di attenzione. Oggi forse è stata una gara nella quale i ragazzi hanno avuto un approccio positivo, hanno palleggiato, hanno creato qualche occasione. Il calcio di rigore: io dico sempre ai ragazzi di stare tranquilli, sereni. Li sbagliano i calciatori che guadagnano milioni di euro, possono sbagliare anche loro. Non è un errore di negligenza, è un errore dovuto all'età, forse alla tensione della partita, anche se io cerco ogni volta di trasmettere serenità, tranquillità e stando all'ultimo posto in classifica l'assillo del risultato purtroppo fa di questi scherzi. I ragazzi hanno retto bene contro una buona squadra: abbiamo fatto quello che potevamo, poi con un uomo in meno purtroppo gli equilibri si sono un attimino rotti e il Frosinone ha meritato la vittoria. Per noi sono tutte finali, dico sempre ai ragazzi che nessuno gli ha regalato niente e che devono divertirsi e far divertire perché il calcio è divertimento fondamentalmente. Quindi a Cagliari faremo la nostra onesta partita e non difenderò mai, non mi piace difendermi. Cerco sempre di essere propositivo, poi chiaramente se il risultato si dovesse mettere bene possiamo anche pensare di metterci un po' sulla difensiva e tenere il risultato, ma giusto per dare un po' di autostima a questi ragazzi. Pure un punticino a Cagliari sarebbe una manna dal cielo".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE