Cerca

play off

Jakupovic gela il Tre Fontane: Roma fuori, Juve in semifinale

Match al cardiopalma: tanti falli, molte emozioni, una direzione di gara discutibile e un solo gol che però fa sorridere i bianconeri nel return match

31 Maggio 2018

La Roma è fuori (foto De Cesaris)

La Roma è fuori (foto De Cesaris)

PRIMAVERA (Ritorno dei Play Off)
ROMA – JUVENTUS 0-1

ROMA Romagnoli 6, Bouah 5.5, Valeau 7, Cargnelutti 6, Ciavattini 6.5, Marcucci 5, Riccardi 6.5 (39'st Ganea sv), Sdaigui 5.5 (31'st D'Orazio 6), Celar 6, Antonucci 5.5, Meadows 6 (33'pt Kastrati 6) PANCHINA Greco, Diallo Ba, Trusescu, Pezzella, Ganea, Besuijen, Petrungaro, Masangu, Zamarion ALLENATORE De Rossi
JUVENTUS Del Favero 6, Delli Carri 6, Tripaldelli 6, Zanandrea 6.5 (42'st Anzolin sv), Fernandes 6, Pereira Serrao 6, Di Pardo 5.5, Nicolussi Caviglia 6.5, Olivieri 7, Jakupovic 7 (32'st Del Sole 5.5), Portanova 6 PANCHINA Loria, Meneghini, Morrone, Capellini, Merio, De Freitas, Montaperto, Morachioli, Lo Noce ALLENATORE Dal Canto
MARCATORI Jakupovic 16'st
ARBITRO Santoro di Messina 4.5 ASSISTENTI Di Benedetto di Barletta e Bruni di Brindisi
NOTE Ammoniti Nicolussi Caviglia, Sdaigui, Zanandrea, Tripaldelli Angoli 5-4 Rec. 1'pt, 5'st

La Roma è fuori (foto De Cesaris)

Nel momento migliore della sua stagione, la Roma scivola sul più bello e dice addio ai sogni tricolore. Dopo l'ottimo 1-1 dell'andata, i giallorossi cadono in casa nel return-match al Tre Fontane puniti da un improvviso colpo di testa di Jakupovic e costretti ad accettare una direzione di gara oltre che insufficiente, difficilmente giustificabile a certi livelli. De Rossi saluta a testa alta e con tanto rammarico e in semifinale contro l'Inter (si gioca il 6 giugno) ci vanno i bianconeri.

Primo tempo Più Juve che Roma nella prima parte del match: i giallorossi provano a fare la partita, ma sono poco lucidi nell'ultimo passaggio e i bianconeri si dimostrano più reattivi in fase di ripartenza. Una di queste porta al tiro Tripaldelli che al 14' prova ad incrociare dal limite dell'area: il pallone termina alto. L'occasione più clamorosa ce l'ha però sui piedi Jakupovic al 16': autentica perla nel numero 10 che dai 30 metri tenta uno splendido collo esterno sinistro che scende si infrange incredibilmente sulla traversa. La sfortuna pagherà il suo debito solo un'ora più tardi. I capitolini piano piano si svegliano e al 30' è Riccardi stavolta a andare vicino ad un capolavoro: si accentra dalla sinistra, calcia a giro, ma la sfera passa vicinissima all'incrocio dei pali. Lo stesso tiro che nella finale dell'Europeo Under 17 s'incastonò proprio tra i due legni. Nel corso dell'azione si infortuna Meadows costretto poi a lasciare il campo, vittima di un brutto fallo da dietro di Di Pardo: l'arbitro dopo aver dato il vantaggio, non tira fuori neanche il giallo tra la vibranti e giuste proteste giallorosse. Un clima acceso che perdurerà fino al duplice fischio.

Secondo tempo Nella ripresa la Roma parte meglio e al 4' si divora una potenziale occasione da gol: fantastico scatto palla al piede di Valeau (letteralmente scatenato) che si fuma l'intera difesa juventina, ma poi in area invece di incrociare col mancino, crossa dentro per Celar che però di testa non trova l'impatto col pallone. Poi è Sdaigui a rendersi protagonista: prima dopo aver rubato palla in uscita alla Juve, spreca tutto calciando da fuori a lato, invece di servire Celar tutto solo. Poi pesca Riccardi che ci prova con una rasoiata dal vertice dell'area: Del Favero devia col pensiero. Nel suo momento migliore però la Roma deve chinare la testa: la Juve avanza sulla destra e parte un cross dentro per Jakupovic che prende l'ascensore e schiaccia trovando anche una deviazione che sorprende Romagnoli: 0-1. I bianconeri volano sulle ali dell'entusiasmo e un minuto dopo è Olivieri a sfiorare il colpo di grazia cogliendo l'incrocio dei pali con un bolide. La Roma piano piano si rialza e il Tre Fontane si accende sempre di più (anche perché l'arbitro, sbagliando molte chiamate, fa tutto l'opposto per evitarlo). La manovra giallorossa aumenta d'intensità e nel finale i padroni di casa prendono possesso della metà campo bianconera. La Juve però si difende bene e in più l'arbitro continua a fischiare in maniera discutibile facendo scattare dalla panchina anche l'english De Rossi.  Al triplice fischio al centro del campo la Juve festeggia tra i fischi, stavolta dei tifosi della Roma. Per i capitolini rimane solo tanto rammarico e dispiacere per quel che poteva essere e non sarà. Peccato.



Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE