Cerca

focus

Da Mister X a gran trascinatore: la Roma si gode Zan Celar

L’attaccante sloveno sta guidando i giallorossi a suon di gol: dopo una prima stagione in ombra sembra definitivamente esploso

31 Ottobre 2018

Zan Celar in azione (©De Cesaris)

Zan Celar in azione (©De Cesaris)

Zan Celar in azione (©De Cesaris)

Arrivò a Roma da oggetto misterioso nell’estate del 2017, scelto da Monchi e pagato 1 milione di euro al Maribor, chiamato a piazzarsi lì al centro dell’attacco e garantire gol e sostanza alla Primavera di Alberto De Rossi. La prima stagione di Zan Celar nella Capitale non è stata una di quelle da incorniciare, paragonabile quasi a quella di Edin Dzeko, lui che dell’attaccante bosniaco sembra avere proprio le stesse peculiarità. Fisico, potenza, movimenti e atteggiamenti in campo praticamente identici, e quel fiuto del gol degno solo dei grandi attaccanti. Il gigante sloveno classe 1999 sembra quasi stia seguendo le orme del centravanti di Di Francesco. Dopo un’annata passata a rincorrere la forma giusta e cercare la fiducia nei propri mezzi, Zan Celar è definitivamente esploso e ha conquistato Alberto De Rossi e la Roma a suon di gol. Via gli scetticismi e i pensieri negativi che una piazza come quella giallorossa tiene sempre in prima linea, Celar si sta dimostrando attaccante completo e ad oggi è uno degli elementi imprescindibili di questa squadra. E pensare che solo a fine agosto qualcuno dava quasi per fatto il suo passaggio in prestito alla Triestina. Fortunata e lungimirante la Roma a tenerlo tutto per sé…

Anche quest’anno l’ex Maribor non sembrava esser partito con il piede giusto: gol nell’incredibile sconfitta all’esordio contro il Sassuolo ma anche un’espulsione che l’ha costretto ai box per le due giornate successive. La Roma vince sia con il Milan che con il Chievo, poi ritrova il suo bomber e continua a volare. Doppietta al Napoli, doppietta al Palermo, tripletta all’Atalanta: stato di grazia. Otto gol in quattro presenze, già più della metà messi a segno la scorsa annata in 35 presenze totali, in tutte le competizioni. Numeri da far spavento, considerando che quest’anno non può neanche disputare la Youth League, lui che è un fuori quota e da meno di due anni in giallorosso. Capocannoniere del campionato alla pari di Millico, Roma in vetta insieme all’Atalanta ma davanti in virtù dello scontro diretto di domenica: nella Capitale si sogna e s’inizia a buttare un occhio oltre l’orizzonte. Chissà che a Trigoria non abbiano già trovato il bomber del futuro…

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE