Cerca

L'INTERVISTA

Lazio, parla Falbo: "Vogliamo diventare campioni d'inverno"

L'esterno biancoceleste ha parlato del momento della squadra allenata da Bonacina e della sua carriera

07 Dicembre 2018

Luca Falbo, centrocampista della Lazio ©De Cesaris

Luca Falbo, centrocampista della Lazio ©De Cesaris

Luca Falbo, centrocampista della Lazio ©De Cesaris

Prima dell'importante gara contro il Livorno, il centrocampista della Lazio Luca Falbo ha espresso il suo parere sul momento della squadra biancoceleste: “A Lecce abbiamo perso perchè siamo scesi in campo con la mentalità sbagliata credendo di aver vinto la partita ancor prima di giocarla. In altre occasioni è accaduto di essere andati in svantaggio salvo poi rimettere la gara nel verso giusto ma questa volta non ci siamo riusciti. Il calo di concentranzione è uno dei nostri deficit più gravi e perciò dobbiamo lavorare anche sotto questo aspetto per far sì che non succeda nuovamente. Il nostro obiettivo è di tornare nella categoria superiore, per cui non possiamo permetterci di sbagliare determinate partite o di avere cali di questo tipo. Nonostante tutto non possiamo lamentarci di quanto abbiamo fatto fino a questo momento, se contro i toscani riusciremo a trovare la vittoria saremo Campioni d'Inverno e questa è una grande soddisfazione. Dovremo poi stare attenti alla pausa invernale, ci sarà uno stop di circa 40 giorni e non sarà facile ripartire subito al massimo, dovremo essere bravi a mantenere sempre alta la concentrazione". Falbo è poi tornato a parlare dell'incredibile retrocessione dello scorso anno che ha visto la Lazio essere relagata in Primavera 2 : "Lo scorso maggio abbiamo vissuto una delle cose più brutte che possano capitare ad una squadra e ad un giocatore, ora però siamo primi e conta questo, esser riusciti a rialzare la testa dopo una batosta. Mi sono sentito responsabile da subito della retrocessione, dopo numerose sconfitte l'umore in squadra non era dei migliori, i nostri allenamenti ne risentivano, accusavamo troppo la pressione. Quest’anno invece si scherza e si lavora con armonia, siamo più uniti, ci divertiamo e usciamo insieme anche fuori dal contesto Lazio”. L'esterno biancoceleste ha poi parlato della sua carriera, tra presente, futuro ed un sogno nel cassetto: "Il bilancio personale è buono, ho iniziato a giocare durante lo scorso campionato nel girone di ritorn. Sono cresciuto a livello tattico ma anche dal punto di vista della personalità, finora ho giocato sempre titolare e, cosa da non sottovalutare, mi sto divertendo molto. In queste prime giornate di campionato il mister Bonacina ha giocato con la difesa a 4 mettendo tre punte e quindi sono stato schierato come esterno offensivo. A me piace il ruolo di quinto di centrocampo a sinistra, amo avere tutta la fascia a mia disposizione anche perchè sono un giocatore votato alla corsa, sto lavorando per essere più completo e non ripetere sempre la stessa giocata. Purtroppo non ho ancora segnato con questa maglia, mi sto allenando per battere i calci da fermo, rubo un po’ con gli occhi da tutti. In Italia c’è Kolarov che mi piace tanto ma ammiro molto anche Marcelo del Real Madrid, senza dimenticare Maicon ai tempi dell'Inter. Il mio sogno è ovviamente quello di esordire in prima squadra e spero di riuscirlo a realizzare il prima possibile, intanto mi godo i compagni con la quale mi trovo benissimo, come detto prima".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE