Cerca

focus

Calafiori c'è! Il talento giallorosso torna a correre

Sembra passata una vita da quel maledetto Roma-Viktoria Plzen. Sembrava dovesse finire lì la carriera di Riccardo. E invece...

05 Marzo 2019

Calafiori in corsa (FOTO De Cesaris)

Calafiori in corsa (FOTO De Cesaris)

Calafiori in corsa (FOTO De Cesaris)

Un giorno maledetto, quel 2 ottobre 2018. Per la Roma e per Riccardo Calafiori. Una gara persa 3-4 ma che a posteriori non compromise l'accesso agli spareggi della Youth League, poi finita malissimo ai rigori coi danesi. Maledetto, però, soprattutto per uno dei maggiori promettenti del settore giovanile romanista. Talmente tanto da esser stato aggregato sott'eta in Primavera, dall'Under 17. Messo sotto contratto e quindi sotto protezione dalla società giallorossa, Riccardo Calafiori è tornato a correre soltanto da qualche giorno. Un miraggio, il post della mamma Barbara Formichella sul suo profilo Instagram. Un aggiornamento dovuto e coerente con un seguito sempre molto attivo sulle vicende del campioncino dei capitolini. Un breve vide, la corsa, la testa bassa e la concentrazione sul volto che fanno ben sperare sui tempi di riabilitazione completa del ragazzo. Cinque mesi ai box, un'operazione immediata e tempi lunghi di ripresa, i saluti e le continue dediche arrivate dai compagni di Primavera e dalla prima squadra. Ora tutto questo, per Riccardo e per la Roma, sembra solo un ricordo. Nessuna notizia precisa, ancora, sull'effettivo reintegro del difensore col resto del gruppo. Ma quei pochi secondi di video fanno solo che sorridere: De Rossi, il popolo romanista e tutto il mondo giovanile capitolino. Le emrgenze in casa Roma lì dietro sono aumentate dopo Bouah e Bianda. Con l'Atalanta sono stati costretti ad uscire anzitempo anche Cargnelutti e Coccia. Non proprio una situazione rosea, dunque. Ecco perché quella corsa di Calafiori significa tanto, fa sorridere e ben sperare. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE

Dalle altre sezioni