Cerca

Speciale/1

Febbre da derby: l'ultimo finì 2-1 per la Lazio

La stracittadina si avvicina. Un anno fa i ragazzi di De Rossi caddero sotto i colpi di Shehu e Djavan Anderson

20 Ottobre 2020

Febbre da derby: l'ultimo finì 2-1 per la Lazio

Uno scatto del derby ©De Cesaris

È tutto pronto per la sfida più attesa del girone d’andata. Sabato alle 15 Lazio e Roma si daranno battaglia sul campo del Fersini nel match valido per la quinta giornata di campionato. In palio c’è molto più dei tre punti, c’è l’onore e la voglia di ribadire una “supremazia” cittadina che in nessun’altra città è così sentita. Fino a sabato la capitale, per quanto riguarda le sfide tra le due formazioni, è a tinte biancocelesti. L’ultimo derby infatti finì 2-1 per la squadra di Menichini, che terminò addirittura la partita con un uomo in più data l’espulsione di Parodi all’83. Gli eroi del match furono Shehu, a cui bastarono dieci minuti per portare in vantaggio la Lazio e Djavan Anderson, ora titolare in prima squadra, su rigore. Una prestazione perfetta dai biancocelesti, sporcata solo dallo sfortunato Luca Falbo che nel recupero finale insacca la palla in rete, ma della porta sbagliata. Quel 23 novembre del 2019 la Roma, reduce anche quell’anno dalla vittoria contro l’Atalanta, si fermava a sedici punti, mentre la Lazio saliva a 10, nonostante la differenza reti fin lì da brividi, con 8 reti segnate e 16 subite. Numeri e dati a parte, il derby si sa, non ha favoriti né sconfitti in partenza. Il derby è cuore, testa e gambe, è la partita in cui ancor più delle altre, lo stemma sul petto vale più del nome sulle spalle.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE