Cerca

primavera 2

Lazio, Calori sul momento di crisi: "Mi aspettavo qualcosa in più, poca cattiveria"

Di certo son settimane complesse in casa biancoceleste, passata dal primato al rischio terzo posto con l'insidia Frosinone ed un campionato in cui non è più regina

14 Marzo 2022

Alessandro Calori

Alessandro Calori, allenatore della Lazio (©D'Offizi)

Ormai si è aperta una vera e propria crisi in casa Lazio, dopo il pareggio interno di sabato con l’Ascoli. Al Fersini difatti le aquile non sono andate oltre l’1-1 nella gara contro la truppa marchigiana, non riscattando la disfatta di settimana scorsa a Cesena. I biancocelesti avevano un solo risultato disponibile, la vittoria e non è arrivata. Adesso la vetta diventa un obiettivo quasi irraggiungibile, considerando il successo degli emiliani a Perugia, i quali ora volano a più quattro sui capitolini con anche una partita in meno. Weekend quasi tragico nel complesso, un Frosinone super contro il Benevento infatti raggiunge le aquile al secondo posto, facendo tremare ancor di più la società di Formello. Ben consapevole di questo momento nero è Alessandro Calori, il quale ha analizzato così la situazione a fine gara. “Mi aspettavo sicuramente qualcosa in più, anche se questi sono passaggi che devi superare nell’arco di una stagione. Quando vuoi vincere devi essere abituato a lottare tutte le gare, o almeno abituarti velocemente. Dal punto di vista del carattere abbiamo mancato in diversi aspetti. Nonostante i pericoli degli avversari siano stati quasi zero, non c’è stata velocità nelle giocate, non riuscendo a sfondare”. Difatti, seppur i capitolini abbiano sempre avuto la sfera tra i piedi, non hanno prodotto la solita mole di gioco, risultando in più di un’occasione inconcludenti. “Nella gestione e trasmissione del possesso non siamo stati brillanti, non trovando quasi mai l’imbucata giusta. Sembrava quasi che volessimo portarci la palla in porta, quando invece serviva altro. Di certo però per fare queste cose serve sicuramente maggiore cattiveria, e devi essere abituato”. Infine Calori ha voluto fare un punto sulla situazione infortuni, incentrandosi anche su quello di Castigliani avvenuto negli ultimi minuti. “In questo momento ce ne son tanti. La difesa è completamente dimezzata, tra De Santis, Ruggeri e Adeagbo tutti ai box. Adesso dovremmo valutare le condizioni di Castigliani, probabilmente si tratta di uno stiramento ma bisognerà valutare. Verranno settimane difficili, ma dobbiamo pensare solo a rimboccarci le maniche e affrontare la fine del campionato”.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE

Dalle altre sezioni