Cerca

primavera 2

Lazio, Sanderra sulla prima vittoria: "Buona prestazione, ma c'è tanto lavoro da fare"

Queste le dichiarazioni del mister biancoceleste dopo il successo ai danni del Monopoli

19 Settembre 2022

Stefano Sanderra (Foto ©Hibernians)

Stefano Sanderra (Foto ©Hibernians)

Si è sbloccata in campionato la Lazio di Stefano Sanderra, che dopo il brusco esordio ha cominciato subito a correre in questo weekend. Difatti al Fersini i biancocelesti hanno avuto vita facile contro il Monopoli, schiantando la truppa pugliese grazie a ben cinque gol. Segnali importanti quindi, che il tecnico capitolino ha voluto analizzare così, non nascondendo come la strada da fare sia ancora lunga. “Siamo ancora in fase di costruzione, i ragazzi si sono esaltati una volta che la partita si è messa in discesa trovando i giusti canali per esprimersi. Ovviamente non mi esalto, rimango con i piedi per terra considerando anche che alcune cose dal punto di vista dell’atteggiamento non mi sono piaciute. La lezione di Ascoli è sicuramente servita, abbiamo avuto sempre un approccio buono, questa volta però resistendo alle difficoltà, a differenza di quanto accaduto settimana scorsa”. Rispetto alla prima giornata infatti le aquile si sono portate a casa il clean sheet, dimostrando  un’ottima solidità difensiva per tutta la partita, non mancando nella continuità mentale in tutti i novanta minuti. “Abbiamo dei giocatori dai valori importanti, e proprio per questo dobbiamo crescere per permetterci di essere sempre solidi là dietro, al fine di far esprimere al meglio i nostri giocatori di talento in attacco, che comunque, come fatto bene in questa partita, devono dare una mano alla squadra”. Nella vittoria di sabato si è visto il grande impatto di Sanà Fernandes, classe 2006 al debutto con la maglia biancoceleste e subito decisivo. Prelevato in estate dallo Sporting Lisbona, il talento portoghese è già andata a segno, con Sanderra che ha voluto spendere queste parole su di lui, evidenziando anche la linea verde scelta dai capitolini, considerati i molti 2005 presenti tra campo e panchina- Magro, Milani, Dutu, Troise, Di Tommaso e Brasili-. “Sanà è un ragazzo giovanissimo con potenzialità enormi, ovviamente gioca a tratti vista la su acerba età, ma quei frangenti dimostrano un talento di primo ordine. Può diventare un giocare importante, soprattutto se mantiene costanza ed unità nel lavoro, imprescindibili se ci si vuole affermare nel mondo del calcio. In generale la Lazio sta cercando di sviluppare profili di spessore in vista dei prossimi anni, coniugando la parte tecnica a quella dei risultati. Siamo comunque all’inizio, bisogna pedalare tanto cominciando già a preparare la sfida dopo la sosta in casa della Salernitana”.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE