Cerca

L'INTERVISTA

Terracina, Reggio si presenta: "Non potevo rinunciare"

Il neo tecnico dei tigrotti spiega i motivi della sua scelta e fa il punto tra obiettivi presenti e futuri biancocelesti

11 Luglio 2018

Simone Reggio @Facebook

Simone Reggio @Facebook

Simone Reggio @Facebook

La stagione del nuovo Terracina Calcio è già partita. Con l'ufficializzazione dell'accordo con Simone Reggio, il neo-tecnico si è messo già al lavoro per preparare una grande annata. Queste le sue prime parole da allenatore biancoceleste: "Cosa mi ha spinto ad accettare? Non avrei mai potuto dire di no. Sono terracinese doc, nonostante calcisticamente sono sempre stato fuori. Ho avuto una piccola parentesi in Serie D a Terracina da giocatore, invece da allenatore sono stato sempre fuori, ma nel cuore sono sempre rimasto un tigrotto. La decisione è stata facilissima, spinto anche dalla mia indole, dal mio modo di fare e dalle sfide di questo tipo che ho sempre accettato di buon grado. Semplicemente non me la sono sentita di tirarmi indietro. Parliamo di un'occasione importante, di una piazza importante. Questo ovviamente, almeno per me, potrebbe rappresentare un'arma a doppio taglio. Conoscere l'ambiente e quello che la gente richiede non sarà semplice". Finite le presentazioni, però, è già tempo di guardare ai prossimi obiettivi: "L'obiettivo è quello di fare bene, banale no? Certo che dire 'vogliamo partire a fari spenti' è deleterio. La piazza qui non te lo permette. Quello che posso dire è che sia a me, sia alla società, preme tornare a lavorare con tranquillità. Dobbiamo ritrovare quella serenità che è un po' andata a scemare ultimamente. Partiremo per fare un campionato tranquillo, ma vogliamo levarci grosse soddisfazioni!". Dal mercato biancoceleste, però, ancora tutto tace. Il mister non ha comunque motivo di agitarsi: "Almeno per quelle che sono le esigenze societarie, il budget deve ancora essere totalmente definito. Devo dire la verità, ho fatto diverse richieste e pare che saranno accontentate. Ci saranno rientri importanti di ragazzi che, per un motivo o per l'altro, non si sono mai riusciti a mettere in mostra a casa loro. Altri giocatori fondamentali hanno già accettato di rimanere, altri ancora arriveranno. Io finché non vedo nero su bianco, però, aspetto a fare nomi. La voglia di tutti è quella di fare ancora meglio degli ultimi due anni" conclude mister Reggio.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE

Dalle altre sezioni