Cerca

STAGIONE 18-19

Promozione, scopriamo le protagoniste del girone D

La festa dei calendari ha decretato il lotto di squadre che faranno parte del quarto raggruppamento del campionato cadetto regionale

29 Agosto 2018

Formia, esultanza della scorsa stagione ©FormiaFacebook

Formia, esultanza della scorsa stagione ©FormiaFacebook

Formia, esultanza della scorsa stagione ©FormiaFacebook

Come da qualche anno a questa parte, il girone D di Promozione continua a confermarsi come il più duro della categoria cadetta regionale. Per questo, sbilanciarsi sulle possibili favorite, sarebbe inutile e alquanto complicato. Se l'anno scorso Itri e Sora hanno rispettato le aspettative, quest'anno il Real Cassino, terza forza della scorsa stagione, parte con non pochi interrogativi. Non tanto sulla rosa, comunque mantenuta ad un ottimo livello, quanto sulla guida tecnica. La società cassinate aveva dapprima scelto Fabio Gerli come nuovo allenatore, se non poi tornare sui propri passi e confermare Roberto Zollo, autore di una buona seconda parte di stagione l'anno scorso.

Uno scalino immediatamente dopo si presentano Mistral Gaeta, Monte San Giovanni Campano, Ferentino e Formia. L'unica formazione rimasta a Gaeta (la Polisportiva è fallita in estate) ha portato avanti un calciomercato di livello assoluto. Tanti arrivi e parecchi giocatori pescati dalla rosa della capolista dell'anno scorso, ora impegnata in Eccellenza. Parisella e i suoi hanno gli occhi addosso di tutti gli addetti ai lavori, pare ci sarà da divertirsi al Riciniello quest'anno. Il neo tecnico del MSGC è la vera carta in più che i gialloblu avranno da giocarsi. Un campionato formidabile sulla panchina del Terracina e poi la chiamata dalla società frusinate. I ragazzi del San Marco hanno intenzione di puntare dritti alla promozione avendo come condottiero mister Castellucci. Discorsi inversi, invece, per Ferentino e Formia. La terribile matricola, protagonista di una stagione irripetibile in 1a Categoria, si propone come outsider tra le grandi. Mercato intelligente ed oculato che gli amaranto hanno instaurato proprio per tentare il colpaccio del doppio salto. Dalle parti di Formia si è rimasti con l'amaro in bocca. Convinti di un ripescaggio poi non avvenuto, la squadra biancazzurra ha l'organico adeguato per fare subito ritorno dove le compete.

Monte San Biagio e Terracina sono lì, ad aspettare un passo falso delle succitate per inserirsi nella corsa al titolo. Sbalorditiva la cavalcata dei biancoverdi l'anno scorso, considerando, tra l'altro, che si trattava di una neopromossa. Altrettanto entusiasmante il gioco espresso dai tigrotti biancocelesti che quest'anno dovranno quantomeno confermarsi con la nuova guida tecnica affidata a mister Reggio. C'è curiosità pure su quelli che saranno i rendimenti di Suio, Anitrella e Polisportiva Città di Paliano. La società del presidente Gianfranco Circio ha sviluppato buone mosse di mercato e pare aver iniziato la preparazione al campionato con grandissimo entusiasmo e un quartier generale dove poter vivere la quotidianità con più serenità. Le altre due, salite entrambe dalla 1a, hanno messo le basi confezionando sfiziose premesse. Neroverdi che si sono regalati bomber Cardinali, autentico trascinatore dell'Anagni alla vittoria del campionato d'Eccellenza la scorsa annata. L'ex Atletico Olevano, viceversa, ha mantenuto l'assetto della scorsa stagione puntellando la rosa nei reparti meno forti. Abbandonato il girone C disputato precedentemente, la sfida al quarto raggruppamento di Promozione sarà sicuramente più impegnativa.

Ambizioni importanti sono di casa anche ad Alatri e Pontinia. Due squadre che vogliono stupire tutti. In particolare il lavoro del DS Zomparelli ha permesso a mister Cencia di disporre di due attaccanti letali come Costanzi e Coia. Fattore "C" che può fare la differenza. Ovviamente non ci stiamo dimenticando di un derby avvincente come quello di Vodice. Aurora Sabaudia e Sporting che proveranno entrambe a prendersi la supremazia cittadina, in primis, e poi a riversarsi con convinzione nella metà sinistra di classifica.Mistral Gaeta in allenamento ©MistralFacebook

Infine, assolutamente non per importanza visto il discorso fatto in principio, Casalvieri, Atletico Cervaro, Roccasecca ed Hermada dovranno mettere in campo il massimo dello sforzo per evitare di incappare in passi falsi. Sopratutto ad inizio stagione dove, si sa, i punti valgono quasi doppio per il percorso verso la salvezza. La formazione di mister Maurizio Rufo vuole accaparrarsi una permanenza meno faticosa rispetto quella ottenuta la scorsa stagione. Il Cervaro e l'Hermada l'hanno detto: l'obiettivo è quello di una salvezza tranquilla. Il mercato ha portato volti nuovi, ora però le risposte deve darle il campo per le due matricole. Una menzione particolare va fatta per il Roccasecca. Dopo il campionato catastrofico dello scorso anno in Eccellenza, le premesse non sembrerebbero più rosee. Parliamo comunque di una società che ha fatto del massimo campionato regionale il proprio habitat e, ne siamo sicuri, lotterà con i denti per farci ritorno.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE

Dalle altre sezioni